LA PANDEMIA NEI BORGHI DELL’ALTO ATERNO: IMMERSI NEL VERDE TRA SCOSSE DI TERREMOTO E PROBLEMI CON INTERNET


VALLE DELL’ATERNO – “L’altra sera mi sono preoccupato tanto, perché abbiamo vissuto il terremoto, stiamo vivendo la pandemia, ma un terremoto su pandemia diventa davvero ingestibile”. A parlare è Massimiliano Giorgi, sindaco di Montereale (L’Aquila).

Il comune che amministra è uno dei più popolosi della valle dell’Alto Aterno, all’estremo ovest della provincia dell’Aquila, al confine tra Abruzzo e Lazio. Una vallata dove si incrociano inevitabilmente due “crateri sismici”, quello nato in seguito al sisma del 2009 e quello che ha colpito l’Appennino centrale alla fine del 2016 e all’inizio del 2017.

Lo scorso 20 marzo, un venerdì sera, quando gli italiani si accingevano ad affrontare l’ennesima notte lockdown a causa del Covid-19, a Capitignano (L’Aquila), comune confinante con Montereale, si è registrato un terremoto di magnitudo 3.5 Richter.

Dopo la scossa il sindaco di Capitignano (L’Aquila), Maurizio Pelosi, ha fatto un giro solitario in auto: “Non c’era neanche una persona fuori casa – racconta a Virtù Quotidiane – purtroppo per noi le scosse sono la normalità. Viverle quando sei costretto a rimanere dentro casa crea disagio. Ma ne abbiamo affrontate tante, lo faremo anche stavolta”.

Da queste parti le misure governative sul contenimento del contagio epidemiologico possono paradossalmente impattare in misura minore sulla quotidianità delle persone.

Queste aree, infatti, subiscono un inesorabile processo di spopolamento da anni, molte delle famiglie rimaste hanno a disposizione terreni di proprietà, altre pascolano o allevano animali. La densità abitativa nettamente più bassa rispetto alle aree urbane diminuisce le possibilità di contagio.

Eppure il solo pensiero di doversi trovare ad affrontare la rara concomitanza tra terremoto e quarantena di massa genera angoscia: “Ho comprato questa farmacia circa venti anni fa, ma mai avrei potuto immaginare cosa sarebbe successo dopo – racconta Cinzia, marchigiana di origine, arrivata a Montereale all’inizio degli anni Duemila per rilevare la farmacia del paese – la scossa ti attraversa dentro, è una sensazione bruttissima sapere di non poter uscire di casa”.

Anche nell’Abruzzo interno, secondo Giorgi, cambieranno tante certezze dopo la fine dell’emergenza epidemiologica: “Credo che la società capitalista che abbiamo visto finora non ci sarà più. I nostri paesi potrebbero trarne persino vantaggio rispetto alle grandi città, perché in questi giorni ci rendiamo davvero conto che dipendiamo in tutto e per tutto dagli altri”. Una qualità della vita che fa dell’ambiente rurale e dell’autosufficienza i suoi punti cardine, insomma.

Ventiquattro chilometri a est, a Campotosto, più di 1400 metri sul livello del mare, la situazione sembra essere peggiore rispetto a Montereale e Capitignano. Qui il terremoto del 18 gennaio 2017 ha devastato il paese. Dei 540 residenti iscritti all’anagrafe comunale gli abitanti reali sono poco più di cento, divisi tra l’abitato principale e le frazioni Poggio Cancelli e Mascioni, mentre un’altra frazione, Ortolano, è oggi completamente disabitata.

Allo scoppio dell’emergenza coronavirus non è stato necessario riattivare il centro operativo comunale (coc), perché negli ultimi tre anni è sempre stato attivo. I pochi abitanti di Campotosto si ritrovavano al bar, che oggi è costretto alla chiusura dai decreti governativi. Per la maggior parte delle comunità nelle aree interne appenniniche i bar sono sono gli unici centri di aggregazione sociale.

“Ci raccomandano di visitare i siti web istituzionali per avere maggiori informazioni sul coronavirus, ma qui non è arrivata neanche l’adsl”, dice il primo cittadino di Campotosto, Luigi Cannavicci.

In Comune, un piccolo aggregato di container e modeste strutture di legno, si lavora acquistando gigabyte su hotspot portatili: “Far arrivare la banda larga da queste parti significherebbe aumentare la sicurezza anche durante la quarantena – afferma Cannavicci – perché permetterebbe ad esempio la telemedicina per le persone anziane, la maggioranza della nostra comunità”. E poi potrebbe essere anche elemento importante per il turismo, in un luogo dal pregio naturalistico importante, che affaccia sul Lago di Campotosto.

In strada sono pochissime le persone che si incontrano. I sindaci hanno deciso di interrompere il servizio con cui si trasportavano gli anziani non autosufficienti al supermercato più vicino, perché i pulmini comunali non possono garantire le distanze di sicurezza.

Così il servizio per l’approvvigionamento dei beni di prima necessità, così come per i farmaci, viene interamente svolto a domicilio, dagli operai comunali o dai volontari dell’Anpas. Di fronte ai postamat spuntano le sedie per l’attesa. Intanto le forze dell’ordine arginano il rientro dei turisti estivi – persone per lo più originarie dei luoghi e oggi residenti a Roma – consigliando o obbligando la quarantena per chi torna.

LE FOTO DI ANDREA MANCINI

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.