L’ABRUZZO RICONOSCE I MERCATI STORICI DELLE CITTÀ


L’AQUILA – La Confesercenti è particolarmente soddisfatta per l’approvazione, da parte del Consiglio regionale d’Abruzzo, della norma che introduce il riconoscimento e la tutela dei Mercati storici delle città.

L’atto regionale prevede i “Mercati a valenza storica”, in cui l’attività di commercio ambulante è svolta da almeno 50 anni, i “Mercati a valenza storica di tradizione” che abbiano origine attestata e documentabile risalente ad almeno 100 anni prima, i “Mercati di particolare pregio” in cui l’attività commerciale è svolta da almeno 30 anni e che vantino particolare pregio per la tipicità o sul fronte turistico ricettivo.

“La norma sui Mercati storici, oltre a riconoscere il particolare pregio dell’attività – dice in una nota Angelo Pellegrino, direttore della Fiesa Confesercenti – restituisce dignità a tutti gli operatori e conferisce alle amministrazioni locali la possibilità di qualificare o riqualificare il proprio tessuto economico”.

In sostanza, la Regione Abruzzo riconosce i mercati e le fiere di valenza storica o di particolare pregio su aree pubbliche. Per la Confesercenti questa norma è una vera e propria opportunità per i comuni che intendono rivitalizzare l’economica locale e rigenerare il tessuto urbano.

Il Consiglio regionale si è dotato di uno strumento con il quale è più facile stabilire i requisiti e le modalità ai fini dell’individuazione dei mercati di valenza storica o di particolare pregio, in collaborazione con i comuni, le organizzazioni maggiormente rappresentative delle imprese del commercio su aree pubbliche.

“È una magnifica cosa apprendere che la Regione abbia avuto questa sensibilità – dice Pietro Leonarduzzi, della Presidenza regionale di Confesercenti – Siamo soddisfatti soprattutto perché la proposta della nostra Associazione è partita da Sulmona e dai suoi imprenditori dirigenti che da anni sostengono la necessità del riconoscimento ‘storico’ del Mercato che si svolge in una delle piazze più belle d’Italia”.

In effetti, la Confesercenti ha costruito la sua proposta proprio partendo dai dati storici che indicano l’anno 1234 quale riferimento dell’istituzione del mercato e delle fiere di Sulmona, da parte dell’Imperatore Federico II.

“Dare a Sulmona, ma anche ad altre città abruzzesi, la possibilità di chiedere il riconoscimento del proprio mercato su aree pubbliche significa valorizzare il territorio e attrarre sempre più visitatori e turisti – aggiungono Daniele Erasmi e Lido Legnini, rispettivamente presidente e direttore di Confesercenti Abruzzo – Ora ci aspettiamo che le Amministrazioni, dopo la pubblicazione della norma sul Bura, mettano mano alla variazione e integrazione dei propri regolamenti comunali in materia di mercati e fiere su aree pubbliche”.

La Confesercenti ringrazia tutti i consiglieri regionali che sono stati sensibili alle richieste dell’Associazione, in particolare l’assessore Lorenzo Berardinetti per la sua sensibilità e la sua determinazione a sostegno della proposta, il presidente della II Commissione Tonino Innaurato e il vice presidente Giovanni Lolli.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022