L’AQUILA, RIAPRE IL BOSS 2.0 CHE SI CHIAMERÀ “JU BOSS BISTROT”


L’AQUILA – Riapre all’Aquila Ju Boss 2.0, erede della storica cantina della famiglia Massari, con quasi un secolo di storia, che si chiamerà “Ju Boss Bistrot”.

Sotto la gestione di Fabrizio e Pierluigi, figli di Giorgio Massari, il locale di Palazzo Lucentini Bonanni, in piazza Regina Margherita, riprende il cammino che aveva iniziato negli ultimi anni quando la sede storica era stata interessata da lavori di restauro post-terremoto.

“Già dalla prossima settimana”, dice Fabrizio a Virtù Quotidiane, “riapriamo Ju Boss Bistrot, che avrà una impostazione nuova con una cucina implementata, vera novità per noi. Il vino resta il protagonista ma attorno a lui ci sarà la possibilità di consumare un pasto. Lo abbiamo fatto per offrire un servizio in più, anche assecondando le molte richieste dei clienti che ci chiedevano di implementare l’offerta”.

“Non sarà un vero e proprio ristorante, dalla cucina usciranno piatti tutti all’insegna della tradizione grazie alle sapienti mani dello chef Francesco Mattei“, aggiunge, spiegando che massima attenzione si continuerà a dare a vini artigianali e di piccole realtà vinicole legate ad antichi metodi di vinificazione.

“Vorremmo ribaltare gli schemi abbinando i piatti al vino e non il contrario, come solitamente avviene”, dice poi Fabrizio.

Saranno rivoluzionati anche i tempi ai quali la storica cantina ha abituato, con l’apertura il sabato sera e la domenica dedicata a degustazioni-evento.

Prima attività in città a commercializzare vino, Ju Boss, aperto nel 1931, è stata un’autentica istituzione per gli aquilani di tutte le estrazioni sociali. Lo storico locale all’angolo tra via Castello e Piazza Regina Margherita, con il caratteristico salone centrale con il grande camino in pietra e l’imponente bancone in legno, l’ampia sala con le due porte vetrate accanto alla fontana del Tritone, è stato per decenni crocevia di avventori di ogni età. (m.sig.)

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022