NASCE RETE DI PESCATORI DELL’ADRIATICO, UNISCE ABRUZZO, MOLISE E PUGLIA


PESCARA – Abruzzo, Molise e Puglia si uniscono per un progetto ambizioso: la Rete delle organizzazioni di produttori (op) dell’Adriatico, con l’obiettivo di avviare un progetto di filiera che miri a valorizzare il pesce azzurro dell’Adriatico, non solo in una logica di qualità, tracciabilità, sostenibilità, ma anche di rispetto dell’ambiente.

Grazie alla Op Abruzzo Pesca Soc. Coop, tra l’altro, a dicembre 2018 in Abruzzo era stato presentato il Marchio di Qualità Collettivo “Il Principe Azzurro dell’Adriatico”.

Una testimonianza di qualità e riconducibilità della produzione sostenibile relativa al distretto di pesca del Medio Adriatico.

“Le quote europee e la concorrenza ‘legalizzata’ senza limiti, da parte di spregiudicate associazioni di pescatori esterne all’ambiente marino italiano – dicono i promotori – concorrono a una moria di imprese e a un notevole abbandono dell’attività di pesca con conseguente diminuzione delle flotte di pescherecci”.

“Per permettere una più omogenea organizzazione, una responsabile azione da parte del Governo per tutela ed incentivo a fidelizzare il consumatore offrendo un prodotto rispondente alle richieste di un nuovo mercato basato su qualità, tracciabilità, sostenibilità e territorialità, unitamente alla trasformazione in loco del prodotto – concludono – si è pensato di ampliare il bacino di pesca e di riconducibilità del marchio stesso coinvolgendo altre realtà, politiche ed imprenditoriali”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.