NASCE “TERRE FORTI D’ABRUZZO”, DISTRETTO DEL CIBO


PESCARA – Avviato un tavolo di lavoro con il vice presidente della Regione e assessore all’Agricoltura Emanuele Imprudente e l’assessore al Turismo Mauro Febbo per la condivisione del Progetto “Terre Forti d’Abruzzo – Distretto del Cibo”.

Fare sistema per uscire più forti che mai dall’emergenza economica che si è scatenata con il Coronavirus: questo l’obiettivo caldeggiato dal presidente Gennaro Strever.

“Abbiamo alle spalle un 2019 in cui è stato registrato un record per l’export del Made in Italy. A fare da traino, allora come adesso, l’agroalimentare. Secondo le stime Cerved, la pandemia comporterà una variazione di fatturato delle imprese abruzzesi rispetto al 2019 oscillante tra il – 9,9% al – 22,9% ed i settori più colpiti saranno turismo, commercio, ristorazione e servizi estetici alla persona, moda e manifatturiero. La via per ovviare ad una potenziale recessione” ha sottolineato il presidente Strever, “potrebbe passare proprio per l’agroalimentare a patto che si faccia squadra tra le istituzioni e le Associazioni di categoria, facendo tesoro del valore della filiera corta sperimentato con il lockdown e facendo emergere il valore delle produzioni locali, soprattutto quelle a bassa intensità”.

Erano presenti a questo primo incontro in Camera di Commercio le Associazioni di categoria regionali Cia, Confagricoltura, Coldiretti, Copagri, Confcooperative e Confesercenti; il Polo dell’Innovazione Agroalimentare Agire; i DAQ Vino d’Abruzzo, Olio D’Abruzzo e Prodotti Ortofrutticoli; la Camera di Commercio de L’Aquila collegata in web conference.

Terre Forti d’Abruzzo è il nome pensato per un nuovo distretto del cibo capace di mettere a sistema la filiera agroalimentare regionale promuovendo azioni economiche sostenibili. Un distretto di sintesi che faccia da regia dello sviluppo locale, promuovendo l’Abruzzo come un unico prodotto di eccellenza e come marchio forte ed unitario da veicolare sui mercati internazionali.

Tra gli obiettivi perseguiti attuazione del Marchio Abruzzo come marchio di qualità d’Abruzzo; attivazione di un sistema integrato che mette in sinergia i comparti dell’Agroalimentare, del Turismo e della Cultura; sviluppo di un Piano di Comunicazione “prodotto Abruzzo”; sostegno ai piccoli produttori ed alle comunità locali come tessuto fondamentale del territorio, autentici custodi della biodiversità e della ricchezza delle tradizioni.

La prossima riunione del tavolo si terrà il 26 giugno.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.