QUARANTOTTO IMPRESE TENACI ABRUZZESI PREMIATE DA CONFCOMMERCIO


TERAMO – Confcommercio Abruzzo ha istituito il Premio Tenaci intitolato alla memoria del compianto Giandomenico Di Sante, riservato a quelle aziende che nel corso di lunghi anni di attività hanno contribuito positivamente allo sviluppo economico e sociale dell’Abruzzo nei settori del commercio, del turismo e dei servizi.

La prima edizione del riconoscimento è in programma domenica 24 marzo, a partire dalle ore 10,00, presso il Centro congressi Eltron in Via Melchiorre Delfico a San Nicolò a Tordino (Teramo), alla presenza delle autorità regionali e locali e dei vertici regionali dell’associazione, il presidente Roberto Donatelli, i vice presidenti Marisa Tiberio (Chieti), Francesco Danelli (Pescara) e Giammarco Giovannelli (Teramo) e il direttore regionale Celso Cioni.

L’ambito Premio consiste in una statuetta raffigurante il Guerriero di Capestrano e un diploma di merito che saranno consegnati alle 48 aziende che rispondono ai requisiti richiesti.

Sono peraltro previsti tre Premi speciali 2019 riservati alla memoria di Di Sante dell’omonima ditta che opera nel settore dei mobili, a quella di Massimiliano Bartolotti, giovane imprenditore turistico e patron degli impianti sciistici di Ovindoli-Monte Magnola e, infine, ai giovanissimi imprenditori Riccardo, Piergiovanni ed Edoardo Di Carlo che hanno con tenacia riaperto la pizzeria dei genitori, vittime della tragedia di Rigopiano.

“Abbiamo inteso assegnare questo meritato riconoscimento a quelle imprese che hanno particolarmente contribuito allo sviluppo economico e sociale della nostra Regione, affrontando e superando con la tenacia di cui sono capaci gli abruzzesi, le moltissime difficoltà che negli ultimi anni hanno caratterizzato, per molteplici motivazioni, i settori del commercio, del turismo e dei servizi del nostro Abruzzo.
Dobbiamo essere grati a tutti questi tenaci imprenditori che ogni giorno, con coraggio, contribuiscono concretamente al progresso dell’intera regione”, affermano in una nota i vertici di Confcommercio.