TASSA SUGLI AFFITTI BREVI, IL TAR RESPINGE IL RICORSO DI AIRBNB


ROMA – Il Tar del Lazio dice no alla sospensione della tassa sugli affitti brevi.

Lo ha deciso la Seconda Sezione, che ha respinto con ordinanza le richieste cautelari fatte da Airbnb Ireland Unlimited Company e Airbnb Payments Uk Limited.

Il tribunale amministrativo, tuttavia, si è riservato di approfondire, in fase di merito, “alcune questioni di rilevanza anche comunitaria”.

“Per quanto riguarda l’istanza cautelare, riteniamo di dover valutare, a nostra tutela e in ragione dei motivi di urgenza, l’opportunità di portare il caso all’attenzione del Consiglio di Stato”, risponde in una nota Airbnb sul proprio ricorso.

“Pur non concedendo la sospensiva, il Tar ha riconosciuto l’esistenza di aspetti meritevoli di ampia riflessione in sede di merito”, scrive ancora il portale.

La tassa sugli affitti brevi, introdotta nella manovra correttiva di primavera, prevede tra l’altro che gli intermediari immobiliari raccolgano le tasse dovute dai proprietari di casa e trasmettano i relativi dati all’Agenzia delle Entrate.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021