TURISMO: A SCUOLA DI OSPITALITÀ CON OMERO, ALLA TORRE DI CERRANO LA LETTURA DELL’ODISSEA PER CAPIRE


PINETO – “…l’ospite è come un fratello per l’uomo che abbia anche solo un poco di senno. (Odissea, VIII, vv.546-547)” è questo il titolo dell’incontro di lettura sull’Odissea in programma sabato 14 settembre, a partire dalle 17, nell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano a Pineto (Teramo), a ingresso gratuito.

I poemi omerici costituiscono la prima tappa della costruzione del pensiero europeo. Il viaggio di Ulisse è sì un nostos, un ritorno, ma è soprattutto la risposta al naturale stimolo della ricerca del nuovo, la sfida al confronto e la capacità di relazionarsi con l’altro, il diverso da noi.

L’Odissea è il paradigma dell’ospitalità. Da un’idea della professoressa Gabriella Liberatore e l’organizzazione dell’Amp Torre Cerrano e dell’Associazione Cul.Tur.A’, in collaborazione con il Comune di Pineto e l’Associazione Albergatori di Pineto, dieci moderni aedi leggeranno “…l’uomo ricco di astuzie… che di molti uomini le città vide e conobbe la mente…”.

Parteciperà all’incontro il giornalista e inviato di Repubblica, Francesco Viviano, autore del libro Mare nero, che racconta i viaggi di migliaia di migranti attraverso i deserti e il mare. Con lui dialogherà il giornalista Umberto Braccili. Le letture saranno accompagnate da intermezzi musicali eseguiti dagli studenti del Liceo Musicale Delfico-Montauti di Teramo. L’evento è inserito nell’ambito del Caffè Letterario itinerante del Comune di Pineto.

A leggere i brani ci saranno Dino Mastrocola, rettore dell’Università degli studi di Teramo; i giornalisti Pina Manente e Antonio D’Amore, lo stilista Filippo Flocco, gli attori Valeria Angelozzi e Francesco Anello, il professor Giulio Pacifico, il dottor Gaetano Pallini e il direttore della Riserva naturale regionale Oasi Wwf dei Calanchi di Atri, Adriano De Ascentiis. Darà avvio alla lettura il sindaco di Pineto, Robert Verrocchio.

“Leggere l’Odissea – spiega l’ideatrice – significa dialogare con le nostre radici, recuperare un articolato mondo di valori smarriti; leggerla ad alta voce è esperienza ancor più profonda: un ritorno all’oralità che ricolloca la parola al centro della comunicazione”.

“‘L’Odissea è il paradigma dell’ospitalità’, questa una delle considerazioni evidenziate dagli organizzatori per annunciare l’appuntamento in programma alla Torre di Cerrano sabato. Un incontro – commenta il sindaco Verrocchio – dall’alto valore culturale che siamo lieti e onorati di sostenere come Amministrazione Comunale. Letture ad alta voce di brani tratti dall’Odissea permetteranno di riflettere sulla vita, sull’accoglienza, sull’altruismo e l’ospitalità appunto, valori, questi, importantissimi per Pineto, città dalla vocazione turistica e quindi aperta all’incontro. Ad arricchire l’appuntamento, la prestigiosa presenza del giornalista Francesco Viviani. Sarà interessante e stimolante ascoltare la presentazione del suo libro dedicato al delicato tema delle migrazioni ‘Mare nero’. Ringrazio tutti gli organizzatori per il loro prezioso impegno e invito tutti a partecipare a questo appuntamento che saprà certamente lasciare un segno indelebile nella memoria di quanti interverranno”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.