UNA “MONTAGNA DI STELLE” SPETTACOLARE A CAMPO IMPERATORE CON GRAN SASSO GUIDES E URSA MAIOR


SANTO STEFANO DI SESSANIO – Dai pianeti giganti Giove e Saturno osservati al telescopio alla visibilissima Via Lattea, sotto una pioggia di stelle Perseidi incandescenti, nella paradisiaca cornice dell’altipiano di Campo Imperatore, circondato dalle vette più alte del Gran Sasso, a circa 1.600 metri di altitudine, baciato dalle costellazioni del firmamento estivo in uno spettacolo celeste mozzafiato.

L’iniziativa “Una montagna di stelle”, organizzata dalle associazioni Gran Sasso Guides in collaborazione con Ursa Maior, non è solo un’escursione guidata alla scoperta di uno degli scorci più suggestivi di Campo Imperatore, ma un autentico tour esperienziale che accompagna i partecipanti dal rifugio del Lago Racollo di Santo Stefano di Sessanio (L’Aquila) alla scoperta della storia, delle tradizioni e delle curiosità di un territorio selvaggio e ancora incontaminato.

Lanciata lo scorso anno, con un riscontro di partecipazione straordinario, l’idea di Andrea Lolli, professionista del Collegio Guide Alpine Abruzzo, insieme ad Andrea Tomassetti, astrofilo, fotografo, astrofotografo e accompagnatore di media montagna, è stata quella di unire due esperienze indimenticabili e renderle accessibili ad una platea più ampia possibile, alla portata di tutti, grandi e piccini, nel  cuore della piana del Gran Sasso, dal tardo pomeriggio al tramonto, fino alla fase di osservazione della volta celeste, una volta scesa l’oscurità, nell’assenza quasi totale di inquinamento luminoso.

Dal rifugio del lago Racollo, la piacevole passeggiata è partita alla scoperta dei ruderi della grancia cistercense di Santa Maria del Monte, con vista sulle Torri di Casanova, i monti Prena e Camicia illuminati dai toni caldi della stagione estiva. La grangia fu fondata dai monaci dell’ordine dei Cistercensi tra il 1222 e il 1303, se ne hanno notizie certe della sua attività fino all’anno 1568. Il cammino è poi proseguito verso il lago di Passaneta illuminato da un tramonto spettacolare, al suono dei campanacci delle mucche al pascolo e un’aria frizzante che, in giorni di caldo torrido come questi, ha contribuito alla sensazione di benessere generale.

“Grazie ad un telescopio professionale è possibile osservare il cielo estivo in tutte le sue declinazioni, dal ciclo lunare al sorgere dei grandi giganti gassosi Giove e Saturno visibili dalla fine di luglio – dice Andrea Lolli a Virtù Quotidiane -. Con i diversi telescopi a nostra disposizione riusciamo ad ammirare dai più definiti crateri del nostro satellite ai satelliti gioviani che Galileo scoprì e battezzò più di 400 anni fa, gli anelli di Saturno, le loro separazioni in cerchi concentrici e la sua gigante luna Titano”.

“Quest’anno, grazie ad un misto di tecnologia ottica e digitale – spiega Andrea Tomassetti -, siamo riusciti a mostrare anche oggetti non visibili con la semplice osservazione, infatti con la tecnica del ‘live stacking’ abbiamo proiettato, tramite un telo ed un proiettore HD, immagini di galassie e ammassi stellari lontani da noi milioni di anni luce”.

Il team di Gran Sasso Guides è composto dai professionisti del Collegio Guide Alpine Abruzzo, le uniche figure professionali formate e qualificate secondo standard internazionali che possono svolgere attività di accompagnamento in montagna e garantire la massima sicurezza.

“L’amore per la montagna, per la cultura locale, per la natura, ma anche per la neve e la roccia, al servizio di chi vuole conoscere i luoghi e le tradizioni locali andando per antichi boschi, valli glaciali, incantevoli altopiani, panoramiche vette, ripide gole e grandi pareti sono alla base delle nostre attività rivolte a tutti – puntualizza Lolli – . Le attività proposte dalla nostra associazione riguardano: escursionismo, trekking, osservazioni naturalistiche, nordic walking, educazione ambientale, vie ferrate, arrampicata su roccia, alpinismo, arrampicata su ghiaccio, sci alpinismo e tanto altro”.

Ursa Maior è un’associazione di tre accompagnatori del Collegio delle Guide Alpine Abruzzo che opera tra Abruzzo e Lazio e propone, oltre alle escursioni classiche, anche uscite astronomiche e una serie di eventi a tema, come “Archeomoon”, ovvero il connubio tra l’archeologia e l’astronomia con visite guidate nei principali siti archeologici abruzzesi.

LE FOTO (di Andrea Tomassetti)

 

 

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022