VENT’ANNI DEL GRUPPO CORDANO, ALL’AURUM PRANZO E BANCHI D’ASSAGGIO

foto Sara Seccamonte

PESCARA – Sono trascorsi vent’anni da quando Francesco D’Onofrio, erede di una famiglia dedita all’agricoltura e in particolare alla viticoltura, e l’enologo Vittorio Festa hanno dato vita alla società dalla quale, nel tempo, è nata la galassia Cordano, oggi costituita da cinquanta ettari e sei brand commerciali: Altavilla, Palazzo Battaglini, Dragani, Santagiusta, D’Onofrio e Marchesi de’ Cordano.

Quaranta collaboratori, quattro stabilimenti di produzione, 13.500 quintali di uva prodotti, 10.600 ettolitri di vino, quasi due milioni di bottiglie e un fatturato che sfiora i 4 milioni di euro.

Un successo celebrato oggi all’Aurum di Pescara con un pranzo al quale i vini del gruppo sono stati abbinati ai piatti degli chef Marcello Spadone, una stella Michelin della Bandiera di Civitella Casanova (Pescara), Mauro Del Pizzo del ristorante Casamatta e Andrea Perfetti del Regina Elena di Pescara. Presenti, insieme a D’Onofrio e Festa, Antonio Paolini del Gambero Rosso, Davide Gangi di Vinoway e Manuela Cornelii dell’Associazione italiana sommelier. Conduzione affidata a Mila Cantagallo.

I patron del gruppo, che hanno ripercorso vent’anni con altrettante diapositive, hanno consegnato anche un riconoscimento a Giorgio Di Domizio e Mariano Melchiorre, storici dipendenti. Prima di aprire le porte al pubblico che ha potuto degustare tutte le referenze nei banchi d’assaggio.

La storia di Cordano nasce a Loreto Aprutino, tra le colline del pescarese e il Gran Sasso, luogo storicamente vocato all’agricoltura. L’estesa tenuta di quasi 18 ettari dà luogo alla produzione di alcune tra le uve più tipiche d’Abruzzo: Montepulciano, Trebbiano, Pecorino, Cococciola, insieme ad una quota destinata alla produzione di Passerina e Pinot Grigio.

Francesco ha raccolto l’eredità del nonno paterno Francesco Gabriele D’Onofrio, partito nel 1947 per il Venezuela e tornato in Abruzzo nel ’52 con un solo desiderio: avviare un frantoio di sua proprietà. In meno di un decennio Gabriele raggiunge l’obiettivo, con l’acquisto di un terreno in località Pian di Mare a Villamagna e la costruzione di un moderno oleificio. Dalla fine degli anni ‘60 la famiglia comincia anche l’avventura nella viticoltura con la prima cantina realizzata a Villamagna.

Oltre alla tenuta centrale, l’azienda si estende per più di 50 ettari comprendendo altri territori a fortissima vocazione, che richiamano le origini della famiglia D’Onofrio e della prima viticoltura abruzzese: Villamagna, Canosa Sannita, Bucchianico in provincia di Chieti, Civitaquana e Spoltore in provincia di Pescara e una piccola tenuta in quota, sopra i 500 metri, ricadente nel comune di Ofena, in provincia dell’Aquila.

Insieme a Francesco D’Onofrio, è la competenza tecnica appassionata e virtuosa di Vittorio Festa a dare un corpo definitivo ai prodotti, che si nutrono di lieviti indigeni e maturano dalla ricerca e dal dialogo costante con la terra, caratteristiche che hanno portato Marchesi De’ Cordano a diventare un marchio sinonimo di qualità, oggi presente in tutto il mondo.

Concepita come luogo di incontro e condivisione, l’architettura della cantina presenta una struttura innovativa, realizzata totalmente in legno, calda e accogliente, che ospita degustazioni e incontri e dalla quale parte un ricco percorso di visita.

La ricca bottaia, al piano inferiore, custodisce tutti i vini che fanno affinamento in legno elevandosi in botte o barriques. Qui trovano spazio anche botti restaurate dalla antica e blasonata fabbrica di liquori Aurum di Pescara: un vero patrimonio storico e culturale, altrimenti destinato ad andare perduto, recuperato per volontà di Francesco e Vittorio.

Il lavoro nella cantina Marchesi de’ Cordano inizia sempre in vigna, ascoltando la naturale maturazione fenologica delle uve. La vendemmia è rigorosamente manuale. Per i bianchi si utilizza una tecnica all’avanguardia, quella del raffreddamento delle uve appena raccolte con ghiaccio secco, al fine di preservare i sentori primari legati al vitigno di partenza. La vinificazione in rosso segue, invece, i metodi più tradizionali. La maturazione del Montepulciano è lunga e la vendemmia può prolungarsi anche fino a novembre.

Marchesi De’ Cordano ha avviato sin dall’inizio la selezione dei propri lieviti direttamente in vigna e ne cura il loro sviluppo in colture fresche che garantiscono da un lato la correttezza e la ripetibilità del processo di vinificazione, dall’altro la massima tipicità del prodotto finale, preservando la biodiversità e regalando ai vini caratteristiche organolettiche uniche e specifiche.

Ricerca, tradizione e sostenibilità sono le parole chiave che guidano la filosofia dell’azienda Marchesi de’ Cordano, una realtà che racchiude in sé la storia della famiglia D’Onofrio, solida e longeva, fatta di viticoltori e agricoltori.

LE FOTO (di Sara Seccamonte)

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022


Categoria: Cronaca Tag:
Array ( [0] => WP_Term Object ( [term_id] => 20125 [name] => francesco d'onofrio [slug] => francesco-donofrio [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 20125 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 4 [filter] => raw ) [1] => WP_Term Object ( [term_id] => 21673 [name] => gruppo cordano [slug] => gruppo-cordano [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 21673 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 1 [filter] => raw ) [2] => WP_Term Object ( [term_id] => 21463 [name] => marchesi de' cordano [slug] => marchesi-de-cordano [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 21463 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 3 [filter] => raw ) [3] => WP_Term Object ( [term_id] => 17385 [name] => vittorio festa [slug] => vittorio-festa [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 17385 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 4 [filter] => raw ) )