VINO, CENTO PRODUTTORI ITALIANI IN WORKSHOP A BEIRUT


BEIRUT – Oltre cento produttori italiani di vino e liquori hanno partecipato ad uno workshop tenutosi in questi giorni a Beirut, dove sono stati presentati oltre 400 tipi di prodotti.

All’iniziativa, organizzata dall’Agenzia italiana per il commercio di Beirut e dall’ambasciata italiana, hanno partecipato 16 importatori e distributori libanesi, e sono intervenuti rappresentanti del settore alimentare, della ristorazione e del commercio libanesi.

Nel 2017 l’Italia è stata il secondo esportatore di vino in Libano, con una quota di mercato del 13% e un valore di 1,8 milioni di dollari, di cui un milione solo per i vini frizzanti. Rispetto al 2016 le importazioni di vino italiano sono aumentate del 28%, e i vini frizzanti da soli del 50%.

Sempre lo scorso anno l’Italia è stata il primo fornitore di vermouth, aggiudicandosi una quota di mercato del 66%, e il secondo fornitore di acqua minerale, con una quota del 15% e un aumento del 16% rispetto al 2016.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021