VINO, ROSEXPÒ CHIEDE LO STOP DEI TERMINI ROSÈ E ROSATO


LECCE – Parte da Lecce e in particolare dalla manifestazione Rosèxpo la battaglia di coerenza linguistica per chiamare rosa il vino prodotto con uve rosse e non Rosé o Rosato. Palcoscenico della difesa dell’italianità per questo prodotto enologico sono stati i due giorni di esposizione di settore (23 e 24 giugno) nella città pugliese promossi da deGusto Salento (associazione di produttori di Negroamaro) con la manifestazione organizzata presso il Castello Carlo V.

L’obiettivo di ridare il giusto termine al vino è quello – si specifica in una nota – di porre fine “allo scimmiottare francese con un languido Rosé oppure con il participio passato di un verbo che non esiste, l’abusato Rosato”.

Insomma l’obiettivo, sostengono i difensori del nome rosa è quello di “recuperare l’identità, l’italianità raccontando l’unicità delle storie di famiglia o di campagna che si celano dietro le etichette e prendere coscienza del valore dei propri prodotti”.

“I rosati francesi – viene aggiunto – escono in media a 48 dollari a bottiglia negli Usa contro i 18 degli italiani”.

“E se, come mostrato dalla giornalista Laura Donadoni, su Wine Spectator nel servizio di copertina sui vini rosati dal mondo su 12 etichette – viene sostenuto ancora – il 90% sono francesi e il resto spagnole, ecco che istituire una cabina di regia, come accade in Francia, e lavorare per una promozione strategica e condivisa che punti al consolidamento e al posizionamento del brand vino italiano all’estero diventa quasi una emergenza commerciale per andare a scalare le classifiche di vendita”.

Nel corso dell’evento è stato assegnato il titolo di Ambasciatore del vino Rosato al senatore Dario Stefàno dall’associazione deGusto Salento che ha voluto premiare, si legge nella motivazione, “l’impegno storico di Stefàno che da assessore alle Politiche agroalimentari della Regione Puglia prima e da senatore della Repubblica poi, non ha mai fatto mancare il suo sostegno alla promozione dei rosati”.

Il prossimo appuntamento con Rosèxpo è in programma il 22 e 23 giugno del 2019.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.