CAPITALE DELLA CULTURA 2022, PER L’AQUILA SFUMA IL SOGNO


L’AQUILA – Per L’Aquila sfuma il sogno di capitale italiana della cultura per il 2022, che sarà Procida (Napoli).

La proclamazione stamattina in diretta streaming sul canale Youtube del Ministero dei beni e delle attività culturali.

“È stata una competizione forte, con una commissione impenetrabile”, ha commentato il ministro Dario Franceschini, “dovremmo trovare il modo di premiare anche le finaliste, come per il premio Oscar nel quale anche essere finalista conta”.

“Fin dall’inizio ci è apparso chiaro che il nostro lavoro non sarebbe stato facile, siamo stati sfidati dalla qualità delle proposte delle dieci finaliste”, ha detto il prof. Stefano Baia Curioni, presidente della giuria che ha dovuto valutare il progetto più idoneo, elogiando il lavoro fatto da tutte le città in gara. “Ognuno di questi dieci progetti andrebbe finanziato e promosso, sarebbe uno degli investimenti pubblici a più alto ritorno”.

“Le dieci città meritano tutte di vincere assieme”, ha aggiunto, “solo una però può essere capitale della cultura, perciò la commissione all’unanimità ha scelto il progetto capace di congiungere in modo migliore lo slancio ideale, la concretezza, la capacità di essere laboratorio di idee, l’attrattività, l’impulso a promuovere un profondo cambiamento”.

Per dare origine ad un nuovo ciclo di sviluppo, il dossier per L’Aquila Capitale italiana della cultura, curato da Pier Luigi Sacco, professore ordinario di Economia della cultura allo Iulm di Milano, tracciava il percorso per raggiungere quattro precisi obbiettivi: 1) Ripopolare la città e il territorio e riannodarne il tessuto sociale; 2) Promuovere un nuovo modello di sviluppo e benessere a base culturale; 3) Diventare il centro di competenze di riferimento a livello europeo sulla resilienza post- catastrofe a base culturale; 4) Formulare una strategia di sviluppo scalabile alle altre realtà simili delle aree interne italiane.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021