CONCERTO DI CAPODANNO AD ATRI CON L’ORCHESTRA DUCHI D’ACQUAVIVA


ATRI – Imperdibile appuntamento per gli appassionati di musica, giunto quest’anno alla diciannovesima edizione, organizzato dal Comune di Atri (Teramo) e dall’Associazione “Amici della Musica 2000”, con direzione artistica di Algino Battistini.

È il Concerto di Capodanno, in programma stasera, martedì 2 gennaio, alle 21,15 al teatro comunale della cittadina ducale.

Il concerto vedrà protagonista l’Orchestra Sinfonica “Duchi d’Acquaviva” (con un organico di oltre 40 elementi), che, diretta da Nataliya Gonchak, proporrà il tema della “danza”, dal valzer alla polacca, dal can can alla marcia, con musiche di Offenbach, Sibelius, Gounod, Ponchielli, Brahms, Tchaikovsky e Strauss.

“È ormai una bellissima e consolidata tradizione – dice in una nota il sindaco di Atri, Gabriele Astolfi – quella di fare gli auguri per il nuovo anno ai nostri concittadini con il Concerto dell’Orchestra Sinfonica Duchi d’Acquaviva che, attraverso straordinarie performances, riesce sempre ad entusiasmare e coinvolgere il pubblico. Non ho dubbi che sarà così anche questa volta e immagino che il nostro splendido Teatro Comunale sarà ancora una volta gremito in ogni ordine di posto per una serata sicuramente piacevole e da ricordare”.

“Non poteva mancare nel ricco calendario di eventi del periodo di Natale – afferma l’assessore alla cultura del Comune di Atri, Domenico Felicione – questo appuntamento, che negli anni ha sempre riscosso grande successo. Ringrazio l’Orchestra Sinfonica e il direttore artistico Algino Battistini per l’impegno profuso e per le emozioni che riescono a regalarci in ogni occasione con iniziative di spessore che contribuiscono a dare lustro alla nostra città”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022