I BOZZETTI DELLA COSTUMISTA DI SERGIO LEONE CONSERVATI ALL’AQUILA IN MOSTRA ALL’ARA PACIS


L’AQUILA – Sarà possibile visitare fino al prossimo 30 agosto la grande esposizione dedicata a Sergio Leone presso il prestigioso Museo dell’Ara Pacis a Roma.

Dopo il successo riscontrato in Francia presso la Cinémathequè Française a Parigi, anche in Italia è prevista la bellissima iniziativa sul grande regista romano denominata “C’era una volta Sergio Leone”, parafrasando proprio i titoli dei suoi celebri film. L’esposizione comprende un vero e proprio percorso sull’universo artistico del regista non soffermandosi solo sulla sua produzione cinematografica ma andando ad esplorare anche l’uomo e la sua formazione.

L’iniziativa è ideata dalla Cineteca di Bologna con la collaborazione della Cinémathequè Française di Parigi, dell’Istituto Luce Cinecittà e vede la presenza di ben 8 bozzetti realizzati dalla costumista Marilù Carteny per il celebre film C’era una volta il West. I preziosi e rari materiali sono conservati nel Centro Archivio Cinematografico della “Lanterna Magica” e ritraggono la straordinaria attrice italiana Claudia Cardinale.

Inoltre, all’interno della nuova pagina La cultura non si ferma, del sito del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, è possibile visualizzare la suggestiva mostra digitale del celebre capolavoro di Sergio Leone, C’era una volta il west.

L’iniziativa realizzata dall’Istituto Cinematografico dell’Aquila nello splendido scenario del monastero di Santo Spirito ad Ocre, propone in correzione le immagini del film con i bozzetti originali realizzati dalla costumista Marilù Carteny con un risultato di grande effetto grazie all’utilizzo delle attuali tecniche digitali.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2020