IL CINEMA TEATRO ZETA DELL’AQUILA RIPRENDE LE ATTIVITÀ CON UNA SEDE RINNOVATA E AMPLIATA


L’AQUILA – Riprendono le attività del TeatroZeta dell’Aquila, fondato e diretto da Manuele Morgese, che inaugura la stagione giovedì 1° ottobre a partire dalle ore 18,00 alla presenza di Fabrizio Bosso con la sua jazz band, dopo un lungo ed attento ammodernamento della sala teatrale e cinematografica, e dopo la costruzione di un nuovo e accogliente padiglione.

L’appuntamento è al Parco delle Arti di via Rodolfo Volpe, in località Monticchio, dove negli anni è sorto un vero e proprio polo culturale che, oltre alla stagione teatrale che ogni anno si compone di produzioni proprie e non, ospita proiezioni cinematografiche, laboratori e spettacoli per bambini.

“Dopo il drammatico periodo che ha segnato molti teatri, cinema e luoghi d’arte, nonostante la difficile situazione, ancora in corso, a causa della epidemia da Covid-19, dopo un lungo ed attento ammodernamento della sala teatrale e cinematografica, e dopo la costruzione di un nuovo padiglione che fungerà da nuovo polo culturale e artistico”, dice Morgese, “il Cinema Teatro Zeta dal mese di ottobre, sarà ancora più grande e confortevole per offrire ai cittadini aquilani un nuovo ‘spazio per la cultura’, e per nuove proposte in campo multidisciplinare, accanto ad una programmazione di alto livello di teatro e di film di qualità”.

“Avremo pertanto il piacere di far conoscere il nuovo Cinema Teatro Zeta dell’Aquila, oggi ancora più grande grazie alla costruzione della nuova sala”, aggiunge il direttore.

Al fine di rispettare le restrizioni e le norme in merito al contenimento dell’epidemia da Covid-19, occorre prenotarsi all’indirizzo organizzazione@teatrozeta.it o telefonando ai numeri 0862-67335 o 329-7488830.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.