IN MEMORIA DI MIRA CANCELLI, PIANELLA INTITOLA A SUO NOME IL PALAZZO DELLA CULTURA


PIANELLA – Un fine settimana dedicato al ricordo quello trascorso a Pianella (Pescara); lo scorso 12 ottobre infatti, è stato intitolato il Palazzo della Cultura alla memoria di Mira Cancelli.

Docente, pittrice, poetessa e scrittrice, Mira Cancelli ha trascorso gran parte della sua vita artistica tra Cepagatti, luogo natio dove ha insegnato a generazioni di studenti e Pianella, territorio in cui ha trascorso gran parte della sua vita in compagnia del marito Guido Cancelli.

“Semina il tuo coraggio per tutto quello che il mondo ha timore di fare, solo i coraggiosi hanno seguaci, semina la tua dedizione e la tua vita sarà più bella!”, e ancora “Niente di quello che il cuore dona è perduto, è conservato nel cuore degli altri”, queste le epigrafi scelte per la dedica speciale ad una donna, rimasta nel cuore di generazioni.

L’idea di intitolare il Palazzo della Cultura a Mira Cancelli, proposta dal sindaco di Pianella Sandro Marinelli, è stata apprezzata da tutta la comunità, non solo perché è stata proprio lei ad ideare la struttura, ma anche perché la Cancelli ha lasciato un segno indelebile nella comunità vestina.

“Che Mira prima o poi ci avrebbe lasciato era un dato di fatto, ma rimane presente nella mia e nelle nostre vite quotidianamente, girando per il paese, entrando in chiesa o in municipio, persino nelle nostre case”, commenta in una nota l’assessore Massimo Di Tronto.

“Se dovessi pensare all’opera che più la rappresenta – prosegue – mi viene in mente il ciclo di affreschi realizzati nel centro storico di Cepagatti dove con il filo conduttore della storia ha saputo nobilitare, attraverso l’arte, le umili casupole popolane del borgo. Mira ha rappresentato e rappresenta un’arte universale che è riuscita ad unire e nobilitare, e questo è stato chiaro durante la cerimonia di intitolazione, dove persone spesso avversarie nella vita politica erano presenti ed uniti per dare onore alla donna, madre ed artista”.

Mira Cancelli ha collaborato a lungo con ogni associazione e in ogni campo in cui ha potuto donare la sua arte e la sua cultura, e si è dedicata a ciò per lungo tempo.

“Posso ricordare – spiega ancora l’assessore – quando in occasione del 1 maggio 2011 ha collaborato con me alla manifestazione sul Lavoro e l’Unità d’Italia, un evento inserito nell’elenco ufficiale delle celebrazioni in ricordo del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, e che ha ricevuto il riconoscimento dell’alto patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Ognuno qui può raccontare una collaborazione e un’attività, in quanto questa donna non ha mai negato il suo qualificato contributo a nessuno”.

Mira Cancelli non ha mai abbandonato con la sua presenza la comunità di Pianella, e l’universalità della sua opera umana ed artistica ora ha anche un’importante dedica.