“ITINEDANTE”, DOMENICA ALL’ABBAZIA CELESTINIANA DI SULMONA CON IL FAI IL III CANTO DELL’INFERNO


SULMONA – Nell’ambito dello spettacolo itinerante “ItineDante”, con cui le Delegazioni Fai di Abruzzo e Molise celebrano i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, nell’Abbazia Celestiniana di Santo Spirito al Morrone a Sulmona (L’Aquila) si terrà domenica 6 giugno il secondo appuntamento dedicato al Terzo Canto dell’Inferno in cui tra i personaggi incontrati da Dante si ravvisa la figura di CelestinoV in “…colui che fece per viltade il gran rifiuto.”.

Ad accompagnare nella “Città dolente…” saranno il flauto di Angela Ricciuti, la chitarra di Flavio Zuccarini, le voci di Giulia Di Nicola e Angela Salvitti, lettura e commento del canto a cura di Pierluigi Di Clemente (cui si deve l’idea).

Lo spettacolo è organizzato dalla Delegazione del Fai dell’Aquila, dal Gruppo Fai Sulmona-Tre Valli e dal Club per l’Unesco di Chieti con il patrocinio del Fai Abruzzo e Molise, della Direzione Regionale Musei d’Abruzzo e del Comune di Sulmona.

L’evento, nel pieno rispetto delle norme anti-covid, inizierà alle ore 17; i visitatori che prenoteranno lo spettacolo saranno accompagnati nella visita all’Abbazia (Chiesa, Refettorio, Aree museali) a partire dalle 15,30 fino alle 16,30 a gruppi di max 15 persone).

È necessaria la prenotazione al link https://faiprenotazioni.fondoambiente.it/…/itinedante…/. Pagamento in loco. La partecipazione prevede un contributo di euro 10 e per gli iscritti al Fai di euro 8. La quota comprende il biglietto d’ingresso all’Abbazia di euro 4 destinati alla Direzione Regionale Musei Abruzzo. È obbligatorio l’uso della mascherina (chirurgica o FPP2) per il regolare svolgimento della visita.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021