ECCO IL BABÀ IN BARATTOLO CHE VIAGGIA E DURA SEI MESI


FORMIA – Si chiama “BabaBarattolo” il primo babà artigianale che viaggia e porta la tradizione della pasticceria napoletana nel mondo.

Come prima meta ha scelto una rotta del gusto, la Francia, dove è stata apprezzata la sperimentazione della bagna col Calvados.

A mettere a punto la ricetta take away e 100% naturale di uno dei più tradizionali dolci partenopei è Cristian Agresti, un giovane pasticcere di Formia (Latina), nato nel mondo dei lievitati e delle sfoglie della pasticceria napoletana grazie alla pasticceria di famiglia, e ora messosi in proprio.

“Ho studiato due anni una ricetta che allungasse la vita del babà – ha detto Agresti, che ha scelto Food&book a Montecatini Terme per il debutto in società del BabaBarattolo – per poi capire che con la vasocottura il dolce, lavorato a mano, poteva mantenere fragranza, sofficità di impasto e aroma per sei mesi a temperatura ambiente, senza utilizzo di conservanti. L’unica accortezza è rovesciare il barattolo mezz’ora prima di servirlo per rinnovare la bagna che è di Limoncello e al Rhum come tradizione vuole, ma funziona anche col Passito. Un gruppo di produttori di Calvados lo ha apprezzato al punto – ha raccontato ancora – da chiedermi una spedizione in Francia ad hoc dopo averlo bagnato col loro distillato di mele. Sperimento riuscitissimo, ora – ha concluso Agresti – siamo pronti a portare Napoli e la sua cultura dolciaria in tutto il mondo”.

Nessun vincolo con la catena del freddo, il babà in barattolo viaggia a temperatura ambiente. Nuova sperimentazione in corso, ha concluso il vulcanico giovane imprenditore, un babà all’olio aromatizzato all’arancia. E anche questo potrebbe presto arricchire la gamma dei babà on the road.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021