“VINÒFORUM”, DECINE DI APPUNTAMENTI FINO A DOMENICA


ROMA – Dopo un emozionante primo week-end, con un’ottima affluenza di pubblico e addetti ai lavori, prosegue fino a domenica 20 settembre la 17esima edizione di Vinòforum–Lo Spazio del Gusto, in scena a Roma nel verde del Parco Tor di Quinto.

Più di 12.000 mq dove è possibile conoscere oltre 600 aziende vitivinicole di qualità e degustare circa 2.500 etichette differenti; sperimentare abbinamenti con le decine di piatti proposti dai grandi chef al lavoro nelle cucine a vista della manifestazione; partecipare ai tanti momenti di approfondimento in programma su vino, olio extravergine d’oliva, caffè e gli incontri organizzati dagli Amici del Toscano. Il tutto nel pieno rispetto delle normative vigenti in ambito sanitario.

Da lunedì 14 a giovedì 17 i temporary restaurant di Vinòforum ospitano alcuni dei migliori osti e cuochi di Roma e del Lazio, che per l’occasione propongono tre tra i propri piatti più iconici e acquistabili, senza prenotazione, a partire dalla democratica cifra di 6 euro a portata.

Ecco il calendario delle prossime quattro serate.

Oggi ci sono Tommaso Tonioni di Achilli al Parlamento (Roma), Yamamoto Eiji di Sushisen (Roma), Federico Delmonte di Acciuga (Roma), Paolo Borgese di Collegio (Roma), Marta Maffucci di Misticanza (Roma) e Stefano Caucci di Peppo al Cosimato (Roma), che sarà presente anche martedì 15.

A quest’ultimo dunque, martedì 15 e mercoledì 16 si aggiungono Gabriele Muro di Adelaide al Vilòn (Roma), Roberto Campitelli de L’Osteria di Monteverde (Roma), Eleonora Masella de La Credenza (Marino), Duccio Bruttini di Beef Bazaar (Roma), Pierluigi Gallo di Giulia Restaurant (Roma) e, solo per mercoledì 16, Mirko Di Mattia di Livello 1 (Roma).

Giovedì 17 è il turno di Ciro Scamardella di Pipero (Roma), Adriano Baldassarre della Trattoria L’Avvolgibile (Roma), Giuseppe Di Iorio di Aroma (Roma), Gen Nishimura e Mario Boni di Da Francesco (Roma), Tommaso Pennestri di Trattoria Pennestri (Roma) e Mattia Filosa di Civico 57 (Formia).

Oltre ai vini presenti nei banchi d’assaggio è possibile abbinare alle creazioni degli chef le etichette firmate Krug, Dom Pérignon, Veuve Cliquot, Moët & Chandon e Ruinart, reperibili presso il Bar à Champagne di Vinòforum.

Sempre presenti inoltre gli stand Calvisius Caviar Lounge, L’Oliva all’Ascolana Dop e Il Catanese, ognuno con le proprie delizie.

Per veri appassionati e solo su prenotazione sono le Top Tasting, degustazioni dedicate ad alcune delle perle della viticoltura nazionale e internazionale e guidate da produttori, enologi e personaggi di primo piano del settore.

Oggi riflettori puntati su “Storia, prestigio e lusso della Franciacorta: Ca’ del Bosco e il suo Vintage Collection Dosage Zéro Riserva”; martedì 15 “II Principe Alessandro Jacopo Boncompagni Ludovisi narra la storia della sua famiglia e del territorio che ha fatto nascere il vino simbolo di Roma”; mercoledì 16 va in scena “Where dreams have no end…l’esaltazione dello Chardonnay in terra friulana: il Dreams di Jermann”; giovedì 17 focus su “Intensità aromatica e grandi vini bianchi da invecchiamento: la cifra stilistica di Kellerei Terlan, eccellenza altoatesina”.

Dopo il successo di pubblico riscosso nel week-end, proseguono per tutta la settimana i laboratori (gratuiti e con prenotazione in loco) sull’olio extravergine d’oliva firmati Unaprol ed Evoo School Italia, sul caffè, con la guida di Caffè Hausbrandt, e quelli del Club Amici del Toscano. Strumenti utili non solo per i semplici appassionati, ma anche per gli addetti ai lavori desiderosi di approfondire le proprie conoscenze sulle diverse tematiche.

E, a proposito di operatori del settore, a loro è dedicata la Business Lounge di Vinòforum, un salotto del vino dove è possibile incontrare celebri realtà del comparto vitivinicolo.

Da oggi a giovedì 17 settembre è presente Balan, importante gruppo che annovera nel suo portafoglio circa 2.000 prodotti, compresi alcuni dei vini più conosciuti al mondo. Tra questi sono presenti a Vinòforum le etichette di Ca’ Del Bosco, Jermann, Kellerei Terlan, Champagne Canard-Duchene, Joseph Drouhin, Tenuta Fiorano e Champagne Thiénot.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.