I VIGNETI DI UMBRIA E TOSCANA I PIÙ DANNEGGIATI DAL GELO


PERUGIA – Sono i vigneti di Umbria e Toscana ad avere riportato i danni maggiori dalle gelate tardive che hanno interessato in particolare il centro-nord Italia dopo Pasqua. A evidenziarlo è il monitoraggio di Assoenologi, realizzato su tutto il territorio nazionale grazie alla sua rete di esperti.

Danni, seppur minori, sono stati registrati anche in Veneto ed Emilia Romagna, mentre nelle altre zone non sono stati rilevati particolari ricadute specialmente nelle regioni del sud.

“L’ondata di gelo – si legge nel report di Assoenologi – ha avuto conseguenze difformi, a seconda dei territori, su tutto il territorio nazionale. La situazione appare ad oggi distribuita a ‘macchia di leopardo’, ma si evidenzia che a soffrire di più l’evento meteorologico sono state le zone di media collina e di fondovalle, con danni specifici su quelle varietà precoci che avevano già emesso i primi germogli”.

L’associazione, presieduta da Riccardo Cotarella, spiega, comunque, che “da questo primo monitoraggio, salvo eccezioni, non si prevedono ad oggi riduzioni significative del potenziale produttivo nazionale”.

Anche se una valutazione effettiva sui reali danni alla produzione “potrà essere fatta solamente tra una decina di giorni, quando le gemme passeranno allo stadio successivo e si apriranno”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021