MASSIMO POLIDORO, LO SPETTACOLO DELLA SCIENZA DAL LINGUAGGIO TV AI SOCIAL


L’AQUILA – Dopo la breve escursione nel mondo dei film Netflix torniamo a parlare di un vero e proprio canale Youtube. Oggi conosciamo più da vicino una tipologia di canale sempre più diffusa, un personaggio “mainstream” che, oltre a divulgare sui media “classici” (televisione e libri) ha un canale Youtube che non è il mero caricamento di contenuti nati su altri mezzi.

Massimo Polidoro, segretario del Cicap (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze), allievo di Piero Angela, conosciuto dal grande pubblico per le sue apparizioni a Super Quark, è uno dei massimi esperti italiani del metodo scientifico applicato ai fenomeni inspiegabili, dai più famosi (il mostro di Loch Ness), ai più moderni (piano Q – Anon), a quelli che nella storia hanno fatto più scalpore. Il canale, tra attualità e approfondimenti storici sull’argomento, presenta una varietà di contenuti che, dato per assodato il filo conduttore del mistero, non può non soddisfare anche i gusti più difficili.

Il tratto distintivo è, come per altri canali presentati in questa rubrica, un linguaggio urbano e pacato che fa da contrappunto alla materia trattata spesso oggetto di toni accesi, come ci insegnano i tanti contenuti negazionisti che invadono i social in questo periodo. Il retrogusto che ci rimane è quello di un documentario, ma con i tempi e il format tipico dei tempi veloci che oggi viviamo.

Altro aspetto fondamentale è il fatto che ogni argomento e ogni video riportano le tematiche con un rigore scientifico assoluto, proponendo le fonti nella end card di Youtube.

Oggi assistiamo sempre di più ad una completa invasione della televisione da parte di contenuti poco qualitativi, che spesso oltrepassano la sottile linea rossa tra l’ironia crassa e il trash più puro, un meccanismo che è stato spesso imputato ad un tentativo di trasporre i contenuti della rete in tv; ma a ben guardare mentre in televisione il contenuto qualitativo a livello culturale arretra su youtube il processo sembra essere uguale e inverso, con canali, come questo di Massimo Polidoro, che cercano con forza di alzare l’asticella, creando ogni giorno nuovi standard cui tutti i creators guardano e cercano di adeguare il proprio lavoro. Questa rubrica stessa è il tentativo di dare un senso a quanto detto, cercando di guardare al meglio dando la possibilità che sia il meglio a caratterizzare i nuovi mezzi di comunicazione e non si crei un cono di luce solo sul peggio che tra tanti difetti ha l’indubbio effetto di creare indignazione e canalizzare la nostra attenzione.

IL MEGLIO DI YOUTUBE DI QUESTA SETTIMANA

1 Massimo Polidoro – QAnon? Non è un gioco – Non può mancare un video su QAnon, il fenomeno in rapida espansione che sta portando un pezzo sempre più grande della società a immergersi in un mondo parallelo, fatto di falsità e, a volte, anche di poca vergogna.

2 Muschio Selvaggio – Ep.33 Don Alberto – Muschio Selvaggio Podcast

Fedez, Luis e un prete, può sembrare l’inizio di una barzelletta dei tempi nostro, si rivela invece un talk di particolare interesse su religione e società, a volte un po’ banale con l’indubbio pregio di trattare quegli argomenti di cui tutti parlano ma nessuno, con una platea così ampia, si permetterebbe mai di affrontare, dal celibato dei preti alle tasse sui beni della chiesa. La cultura che non ti aspetti dove non avresti mai pensato di trovarla.

3 Braking Italy – Nuovo DPCM! Si naviga a vista in attesa di un peggioramento?

Ok bello Youtube, bellissima la nostra rubrica ma qua sempre di coronavirus dobbiamo parlare. Il sempre impeccabile Shy ci spiega il nuovo DPCM e noi ve lo proponiamo prima che diventi un video troppo vecchio perché superato dai video di spiegazione del prossimo Lock Down

Alessandro Minimo

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.