ALLEVAMENTO ABUSIVO DI CINGHIALI SEQUESTRATO A TORRICELLA PELIGNA


TORRICELLA PELIGNA – Militari del Nucleo Cites del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara, con i colleghi della stazione Forestale di Torricella Peligna (Chieti), hanno sequestrato diversi cinghiali e deferito alla Procura di Lanciano (Chieti) una donna per detenzione illecita di selvatici prelevati dall’ambiente naturale e privi di tracciabilità.

Per allevare cinghiali è, infatti, necessario possedere, oltre alla documentazione attestante la nascita degli esemplari in cattività, autorizzazione della Prefettura sulla detenzione di animali pericolosi. I Forestali hanno interessato il Servizio Veterinario della Asl Lanciano-Vasto-Chieti in merito a controlli sanitari da effettuare per scongiurare pericoli di diffusione di malattie infettive come la Peste suina africana.

“Il sequestro dei cinghiali operato a Torricella Peligna – commentano dal comando del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara – può costare all’indagata l’arresto fino a sei mesi o l’ammenda da 15mila a 150mila euro. Gli animali giudicati illegalmente detenuti saranno confiscati”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.