CIMICE ASIATICA, IN ABRUZZO UN TAVOLO PERMANENTE DI MONITORAGGIO


PESCARA – Coldiretti esprime soddisfazione per il primo summit sulla cimice asiatica che si è svolto ieri a Pescara negli uffici dell’Assessorato regionale alle Politiche agricole su richiesta della stessa organizzazione di categoria e della Prefettura di Pescara e alla presenza dell’assessore Emanuele Imprudente e di un pool di tecnici.

Obiettivo: fare il punto della situazione abruzzese sull’insetto killer dei raccolti che, arrivato dall’Asia, ha devastato i campi e i frutteti di 48 mila aziende in Italia con un danno che supera i 740 milioni di euro a livello nazionale con particolare riferimento alle regioni del Nord.

Problemi e preoccupazione iniziano a farsi sentire anche nelle regioni del centro-sud tra cui la nostra – dice Coldiretti Abruzzo in una nota – ecco perché stiamo cercando il sostegno e il supporto delle istituzioni pubbliche per far capire l’importanza e le conseguenze collegate a questa situazione che potrebbe avere forti ripercussioni su produzioni tipiche importanti tra cui, giusto per fare un esempio, il pomodoro a pera d’Abruzzo ma anche pere, mele, pesche e nettarine, kiwi, ciliegio e piccoli frutti, albicocche, susine, nocciole, olive, mais e ortaggi. Abbiamo scritto a tutti i Comuni per far approvare una delibera di sostegno e abbiamo coinvolto i prefetti chiedendo l’istituzione di appositi tavoli di lavoro ai quali affidare l’individuazione delle iniziative necessarie al monitoraggio e al contrasto della diffusione della cimice. L’incontro è la conferma dell’esistenza di un problema che non va assolutamente sottovalutato. Ben venga quindi, come anticipato dall’assessore, l’istituzione di un tavolo istituzionale permanente di monitoraggio e controllo, volto a fornire una visione costante ed aggiornata della problematica.

Secondo Coldiretti, la lotta alla cimice asiatica è particolarmente difficile perché l’insetto è in grado di nutrirsi praticamente con tutto, si muove molto per invadere sempre nuovi territori da saccheggiare ed è resistente anche ai trattamenti fitosanitari.

Una minaccia – dice Coldiretti Abruzzo – in un anno segnato da un inverno particolarmente caldo che ne favorisce la sopravvivenza e che va contrastata con un piano di intervento nazionale che preveda aiuti straordinari alle imprese, azioni di contenimento dell’insetto anche con un programma coordinato di trattamenti fitosanitari e sperimentazioni su insetti antagonisti oltre a misure per la difesa del settore ortofrutticolo Made in Italy con un sistema straordinario di verifica sulle importazioni”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.