CON ABRUZZO ARANCIONE BOCCATA D’OSSIGENO PER I NEGOZI MA NESSUN PIENONE


PESCARA – Secondo giorno arancione per l’Abruzzo con luci e ombre sul fronte del commercio. La riapertura di tutti i negozi, dopo la fine della zona rossa, ha riportato nelle città abruzzesi nel giorno dell’Immacolata la gente in strada.

Non c’è stato però il pienone negli esercizi commerciali come qualcuno sperava, ma chiaramente un aumento di clientela considerando che con la zona arancione non è più necessario dover certificare il motivo dell’uscita di casa.

In Abruzzo, a penalizzare i centri cittadini, e in particolare quello di Pescara, come hanno lamentato anche in queste ore i rappresentanti delle associazioni di categoria anche l’impossibilità di poter uscire dai comuni di residenza, e questo per esempio a Pescara fa sì che manchino i clienti di fuori comune come quelli di Montesilvano, Francavilla al Mare, e dell’hinterland, oltre che della vicina Chieti.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021