CUCINA ITALIANA SUL PODIO ALL’ESTERO, IN CINA LA PROPONE UN RISTORANTE SU DIECI


ROMA – In Cina, su un totale di 1.050.000 ristoranti, il 10,5% propone cucina italiana. Oltralpe, in Francia, su 169.000 ristoranti monitorati, la offre il 10,7%. In India, su 400.000 ristoranti, il 13,3% ha nel menu piatti della tradizione italiana.

Negli Usa spaghetti, lasagne e tortellini vanno ancor più forte, essendo presente nel 15,3% di 621.000 ristoranti. A rilevarlo è la ricerca Deloitte su “La ristorazione italiana nel mondo”, commissionata dalla Scuola internazionale di cucina italiana Alma e presentata al Centro congressi bolognese di Fico Eataly World.

A livello mondiale, evidenzia lo studio, il volume d’affari generato dalla cucina italiana si stima pari a 209 miliardi di euro, di cui 60 miliardi in Cina e 56 miliardi negli Usa. E sul fronte interno il comparto vede crescere i posti di lavoro.

In Italia, tra il 2011 e il 2016, l’occupazione nel settore della ristorazione è cresciuta dello 0,9%. Siamo cresciuti più di Giappone (+0,4%), Spagna (+0,2%) e Francia (-1%), ma meno di UK (+1,7%), Stati Uniti (+1,9%), Cina (+2,3%) e Corea del Sud (+2,8%). Il Paese che ha fatto registrare il tasso di crescita maggiore per numero di addetti è l’India: +6,9%.

Nel mondo il podio per transazioni alla cassa vede nell’ordine Cina, Italia, e Stati Uniti; siamo dunque tra due giganti. In particolare, la cucina italiana (13% di quota di mercato a volume) risulta la seconda a livello globale dopo quella cinese (19% di quota di mercato), mostrando poi una penetrazione più elevata in termini di numero di transazioni in Usa (15%), Regno Unito (15%), Brasile (13%) e India (13%). Mentre la quota di mercato della ristorazione statunitense, a livello globale è del 10%, in terza posizione. Inoltre, secondo esperti di settore, la cucina tricolore è prevista “in forte crescita”.

“La cucina italiana di qualità e tutte le attività di ristorazione collegate rappresentano un grande patrimonio culturale ed economico del nostro Paese, un asset che la Farnesina è impegnata a tutelare e far conoscere attraverso la sua rete diplomatico-consolare e degli Istituti Italiani di Cultura all’estero e la Settimana della Cucina Italiana nel Mondo”, ha sottolineato nel suo intervento Cristiano Musillo, consigliere presso il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Il mercato della ristorazione mondiale, secondo Deloitte, ha raggiunto un valore 2.210 miliardi euro nel 2016, con l’area Asia-Pacific che copre il 46% del totale ed il canale Full-Service Restaurant (ristoranti con servizio più o meno formale al tavolo) che pesa per il 52%.

Di grandi chef si parla molto ma il business sembra crescere altrove: i canali distributivi in maggiore crescita sono quelli dello Street Food e Quick Service Restaurant (ristoranti di bassa/media qualità con assenza di servizio al tavolo), rispettivamente +6,1% e +5,3% nel periodo 2011-2016.

Per Tommaso Nastasi di Deloitte Financial Advisory Italia “la principale sfida della ristorazione Italiana è quella di adattarsi ai nuovi trend di consumo fuori casa orientati a una cucina meno codificata, senza perdere quei caratteri distintivi del Made in Italy”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2023


Categoria: Cronaca Tag:
Array ( [1] => WP_Term Object ( [term_id] => 767 [name] => cucina [slug] => cucina [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 767 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 492 [filter] => raw ) [2] => WP_Term Object ( [term_id] => 3621 [name] => cucinaitaliana [slug] => cucinaitaliana [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 3621 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 59 [filter] => raw ) [3] => WP_Term Object ( [term_id] => 7174 [name] => estero [slug] => estero [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 7174 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 4 [filter] => raw ) )