DINING BOND PER SALVARE I RISTORANTI, PAGHI OGGI E MANGI IN FUTURO


ROMA – Una scommessa sulla futura riapertura del proprio ristorante preferito, una volta passata l’emergenza da coronavirus. Negli Usa lo hanno già fatto e ora il meccanismo di fiducia sul credito sta dilagando anche in Italia, tanto che la settimana prossima, la Fipe, la Federazione dei pubblici esercizi, come fa sapere all’Ansa, scenderà in campo.

Si chiamano “Dining Bond” e sono stati creati per aiutare il settore della ristorazione, visto che tutti i locali hanno dovuto chiudere le saracinesche. Funzionano come i futures, strumento finanziario in cui le parti, in questo caso ristorante e cliente, si impegnano a vendere e ad acquistare in una data futura un bene ad un prezzo prefissato, la cena in questo caso.

Insomma “un paga oggi a prezzo scontato il pasto che consumerai domani” nella logica dei voucher regalo. Ad aggregare l’offerta sono diverse le piattaforme con differenti meccanismi di adesione, ma fioccano anche iniziative singole da parte dei ristoranti soprattutto quelli stellati.

“L’arma vincente – spiega il vicedirettore della Fipe, Luciano Sbraga – è la fidelizzazione acquisita nel tempo dal ristoratore che ripaga, ne siamo certi”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.