FUNGHI: IN MARSICA UN TERZO NON È COMMESTIBILE, ASL LI CONTROLLA GRATUITAMENTE


AVEZZANO – In Marsica (L’Aquila) cresce del 20% la raccolta funghi nei prati da parte degli appassionati nel contempo però, nel 2016, sono stati giudicati tossici, e quindi non consumabili, 52 quantitativi su un totale di 139 esaminati.

Così ad Avezzano, al distretto sanitario, l’Asl attiva il servizio di controllo gratuito della commestibilità fino al 30 novembre, insieme con la consulenza di un micologo, al pronto soccorso, per casi urgenti visti i tre episodi di avvelenamento dello scorso anno.

L’attività di verifica sarà garantita, nel distretto di via Monte Velino, per due giorni a settimana, lunedì e giovedì dalle 16 alle 18. Il servizio (attivo già dal primo giugno scorso) è gratuito.

Il consiglio degli specialisti è quello di far sempre analizzare i miceti colti nei boschi. I più a rischio, tra coloro che vanno per funghi, sono in genere i raccoglitori che arrivano in Marsica da altri territori e che conoscono poco le zone di raccolta e quindi le caratteristiche dei prodotti che vi crescono.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.