IL DELITTO È SERVITO A CENA CON CRONOSFERA


PESCARA – Tra una portata e l’altra, in scena si consuma il delitto. Gli spettatori sono chiamati a indagare, prestando attenzione alle scene rappresentate tra i tavoli e interpretando gli indizi forniti. Un format che sta crescendo anno dopo anno, quello delle cronocene con delitto proposte dall’Agenzia di Viaggi nel Tempo Cronosfera.

Sono numerosi e dalle trame intriganti gli spettacoli proposti. Si va da “I Delitti di Manor House”, ambientato nell’Inghilterra degli anni Trenta, in puro stile Agatha Christie, a “Westville”, che rievoca le atmosfere del selvaggio West, passando per il natalizio “Bufera a Stormy Rock” e per “Omicidio a Grande Inverno”, pensato per i fan del Trono di Spade.

Gialli da risolvere ambientati in diverse epoche e location. Alle tradizionali cene con delitto si aggiungono le due cene con mistero con protagonista Sherlock Holmes, format adatto a tutta la famiglia, ed eventi speciali come la festa in maschera pensata per Carnevale, un tuffo nei ruggenti anni Venti.

“Cronosfera nasce a Pescara nel 2013, da un’idea mia e di Vittorio Colarossi: quella di creare un contenitore tematico per eventi-spettacolo che annullino la distanza tra pubblico e attori a favore di uno spazio di interazione capace di rispondere agli stimoli dei partecipanti, i quali possono, se lo vogliono, addentrarsi nella trama e persino arrivare a cambiare il corso degli eventi attraverso meccaniche ludiche studiate ad hoc” spiega a Virtù Quotidiane Lorenzo Giannotti, uno dei fondatori dell’agenzia di viaggi nel tempo.

“Tutte le storie sono ideate da Cronosfera, attraverso un attento lavoro di sceneggiatura creativa, e trasformate in realtà da un’accurata scelta di scenografie e costumi. Le trame sono rigorosamente originali. La storia prende, poi, vita grazie all’esperienza del regista teatrale Nicola Pitucci e al collaudato staff di ‘inter-attori’ che facilità l’immersione del pubblico all’interno della trama”.

L’associazione riunisce, a oggi, circa 30 giovani creativi tra attori, scrittori, game designer, scenografi, costumisti, musicisti.

“Questo numero, però, non comprende i numerosi collaboratori esterni, a Bologna, Torino, Milano” aggiunge.

“Il nostro prodotto di punta è la CronoCena con Delitto, uno spettacolo interattivo che si svolge tra le portate, in una sala del ristorante che ci ospita, dedicata e opportunamente allestita. Prevede un menù fisso, con prezzo tutto incluso e prenotazione obbligatoria. Caratteristica principale dell’evento è la versatilità: necessita soltanto di una sala abbastanza capiente ed è adattabile anche a contesti differenti, quali cerimonie, banchetti e aperitivi. La CronoCena con mistero è un nuovo format di nostra invenzione, una variante studiata per le famiglie o per chi vuole godersi l’intrattenimento affrontando una sfida ludica meno complessa, adatta a spettatori da 7 anni in su”.

Non una semplice cena, bensì una cronocena. “Tutti conosciamo la ‘cena con delitto’, un format di intrattenimento basato su una commistione di teatro, gioco e giallo deduttivo. Dopotutto esiste dai primi del Novecento, la stessa Agatha Christie ne organizzava a casa sua” precisa.

“Ma la nostra è un’Agenzia di Viaggi nel Tempo e l’obiettivo che ci poniamo, sempre e comunque, è immergere i partecipanti in un’atmosfera il più possibile coinvolgente. Anche nel più ordinario dei ristoranti, i nostri sforzi sono tesi ad annullare l’ordinarietà dello spazio circostante per spostarci tutti insieme nel tempo del racconto. E viverlo. Ecco perché abbiamo ritenuto opportuno differenziare la nostra proposta dalla classica e diffusa accezione di cena con delitto che troppo spesso, complice anche il celebre film del 1976, è intesa come una parodia del genere giallo”.

Sono diverse le strutture abruzzesi che ospitano le cronocene, spalmate nelle quattro province: il Caffè Letterario (Pescara), il Nuovo Tramonto (Pescara), Villa Pardi (Manoppello), Gabrielino (Picciano, Pe), Stammtisch Tavern (Chieti Scalo), Castello di Semivicoli (Casacanditella), Villa Tamerici (Ortona), Villa Floridia (Torrevecchia Teatina), La Sfinge (San Salvo), Hotel Abruzzo Marina (Silvi Marina), Hotel Pina (Isola del Gran Sasso), Parco dei Pini (Bazzano), I Tre Archi (Bugnara), Alba Sporting Hotel (Ovindoli).

“Solo nel 2018 abbiamo realizzato 45 eventi, nei quali abbiamo coinvolto circa 3.500 partecipanti. Questo dimostra che esiste un oggettivo interesse nella zona per proposte culturali ben strutturate, in grado di offrire esperienze che arricchiscano, senza appesantire, chi vi prende parte. Siamo fiduciosi che questo sia solo l’inizio di una crescita positiva, nella nostra stupenda regione, di un indotto culturale in grado di soddisfare in primis i residenti ma anche di attrarre i turisti”.

Sono nove le cronocene con delitto attualmente proposte, cui vanno ad aggiungersi le due cronocene con mistero, alcuni spettacoli a tema ed eventi speciali.

“Abbiamo due progetti in preparazione: la nuova CronoCena con Delitto che concluderà la Trilogia della Lousiana, ambientata negli anni Cinquanta, e l’assoluta novità dell’anno, la CronoCena con Magia intitolata ‘Hermione e la pietra filosofale’, che sarà lanciata a maggio”.

Molto variegato il pubblico che segue con grande partecipazione gli eventi di Cronosfera.

“Il nostro pubblico è il vero motore di tutto quello che facciamo. Sono persone di ogni estrazione sociale ed età che hanno la grande qualità di essere innanzitutto curiose. Vogliono dedicare il proprio tempo libero ad attività stimolanti e arricchenti, sono appassionate di storie ben raccontate e amano poter interagire, socializzare e vivere esperienze fuori dall’ordinarietà del quotidiano”.