IL PACCO DELLA RIPARTENZA, DAI VIGNAIOLI LA SPINTA PER I RISTORATORI


ARI – Una box contenente 9 bottiglie di altrettanti produttori di vino di tutta Italia, per i ristoratori.

Parte dalle campagne di Ari (Chieti), dove crescono le floride vigne di Tenuta I Fauri di Luigi e Valentina Di Camillo, ma tocca tutta la penisola, l’iniziativa “9×9=47. Pacco solidale per la ripartenza”.

Nove giovani aziende vinicole, che condividono l’idea di vino artigiano, proprio su spinta dei fratelli Di Camillo, ideatori e coordinatori del progetto, hanno scelto di unirsi per dare un segnale al mondo della ristorazione, specie nei comuni più piccoli che faticano a reagire alla crisi causata dal Coronavirus.

“Il 2020 ci ha privati del piacere e della gioia di sedere nei nostri ristoranti preferiti – spiegano gli organizzatori – tuttora nell’incertezza di ciò che potrà accadere, ma senza abbandonarci allo sconforto, nutriamo la speranza che al più presto si potrà tornare a lavorare con impegno e dedizione”.

Al momento sono 47 i ristoratori, da nord a sud Italia, localizzati nelle province più piccole e disagiate a causa del lockdown, che hanno ricevuto il pacco contenente le 9 bottiglie, tra le più rappresentative delle aziende partecipanti. Sulla scatola a forma di cubo, simbolo di pienezza, solidità e stabilità, compare l’immagine di una vite sradicata e piegata, ma legata da tanti fili rossi a una struttura metallica.

“Sebbene sferzati da venti impetuosi siamo già pronti a ricominciare”, hanno scritto gli autori dell’iniziativa nella lettera di accompagnamento al dono ai ristoratori, “tra i più colpiti in questi mesi, coloro che contribuiscono a dare valore ai vini artigiani. Un gesto per far sentire la nostra vicinanza”.

“Pienezza, solidità e stabilità sono i valori dei quali abbiamo ora bisogno più di sempre, dopo un 2020 terribilmente brutto e un 2021 ancora pieno di incertezze – commentano i giovani produttori – . Ed è per questo che al cubo è stata associata una pianta di vite, simbolo di vita, di adattamento, di resilienza. Un pacco solidale, che porta con sé un auspicio di ripartenza: soltanto uniti i vignaioli e i ristoratori si può ripartire”. (m.p.)

I PRODUTTORI PARTECIPANTI

Luigi e Valentina Di Camillo – Tenuta i Fauri Abruzzo DOC Pecorino (Abruzzo)
Paolo Bertani, Leonardo Di Vincenzo, Alfredo Colangelo, Manfredi La Barbera, Marianna Pastore, Loreto Lamolinara, Michael Opalenski – Masseria La Cattiva “Riposata” vino Rosso (Puglia)
Davide Fasolini e Pierpaolo Di Franco – Dirupi Grumello Riserva Valtellina Superiore DOCG (Lombardia)
Alessandro e Felicia Palombo – Luiano Chianti Classico DOCG (Toscana)
Marco Cirese – Noelia Ricci – “Il Sangiovese” Predappio Romagna DOP (Emilia-Romagna)
Luca Baccarelli – Cantina Roccafiore “Fiorfiore” Umbria Grechetto IGP (Umbria)
Alessandra Quarta – Sanpaolo Claudio Quarta “Totó Rosso” Campania IGP (Campania)
Diletta Tonello – Tonello “ioTeti” Lessini Durello Metodo Classico (Veneto)
Rocco Vallorani – Vigneti Vallorani “Polisia” Piceno Superiore DOP (Marche)

LE FOTO

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021