LA FESTA DELLA MADONNA DELLA LIBERA DIVENTA VIRTUALE ED È BOOM DI ASCOLTI


PRATOLA PELIGNA – La devozione legata al culto della Madonna della Libera di Pratola Peligna (L’Aquila) fa il pieno sui canali televisivi e sui social. A causa delle restrizioni per l’emergenza Covid-19, l’edizione 2020 si è svolta a porte chiuse, ma si stima che circa 40mila visualizzazioni abbiano assistito ai principali appuntamenti religiosi previsti dalla tradizione e trasmessi via etere.

Una festa diversa dal solito e senza i pellegrini ad affollare le vie, però il successo di pubblico e di fedeli è stato enorme, grazie al lavoro delle troupe televisive e delle piattaforme social che si sono impegnate a portare la Madonna in tutto il mondo.

In particolare, a darsi da fare per consentire ai tantissimi fedeli di partecipare a distanza agli eventi salienti della devozione, c’è stato l’impegno dei canali televisivi Sky, Onda TV Sulmona e delle pagine Facebook della Parrocchia Maria SS. della Libera, del Comitato Festeggiamenti 2020 Madonna SS. Libera, del Comune di Pratola Peligna e di Onda Tv, i riti sono stati seguiti non soltanto in tutta Italia, ma anche dai fedeli sparsi in Francia, Belgio, Venezuela e altre località in Europa e Sud America.

Il santo rosario, l’esposizione della Madonna e la santa Messa hanno raggiunto e superato le quarantamila visualizzazioni, celebrando un evento così sentito in maniera davvero commovente e straordinaria.

Ad invitare i fedeli a non uscire di casa è intervenuta anche l’imitatrice Emanuela Aureli, da sempre devota alla Madonna della Libera, che come tutti ha seguito le dirette televisive, condotte da Andrea D’Aurelio, Ennio Bellucci e Roberto Ruggiero.

Dopo la recita del rosario, tutti hanno potuto assistere all’Esposizione della Madonna, che avviene spostando la statua della Vergine grazie a un meccanismo che la porta letteralmente incontro al popolo.

Purtroppo, quest’anno l’Esposizione ha visto una chiesa vuota di pellegrini, tutti raccolti in preghiera in casa e anche lungo le strade, nel rispetto delle precauzioni per il Covid.

Rimandato al prossimo anno anche il suggestivo ingresso dei pellegrini di Gioia dei Marsi, che arrivano a piedi fino a Pratola, entrando in chiesa in ginocchio. Una cerimonia suggestiva, che tutti aspettano di poter rivedere il prossimo anno.

Il vescovo, monsignor Michele Fusco, e i concelebranti guidati dal parroco don Renato Frappi, hanno invocato l’aiuto di Maria per liberare il mondo dal virus che ci ha colpito e fermato drammaticamente.

Il progetto televisivo è nato da un’idea di Roberto Ruggiero e Onda Tv che, sensibili alle istanze dei fedeli e della Parrocchia, hanno reso possibile i festeggiamenti, seppur in chiave molto diversa da quella tradizionale.

“Ma la Madonna della Libera”, dicono alcuni devoti, “un primo importante miracolo lo ha già fatto: grazie ai canali televisivi, alle piattaforme social, i fedeli hanno potuto riunirsi comunque in preghiera e invocare il suo nome, per liberare tutto il mondo dalla pandemia”.

La manifestazione ha goduto del sostegno del Credito Cooperativo di Pratola Peligna, del Comune di Pratola Peligna e del Comitato Festeggiamenti 2020 Maria SS. della Libera. Ringraziamenti sono stati espressi per le riprese aeree, Alessandro Allega e Maiko Raglione e per la società Speednet telecomunicazioni. (fed.cif.)

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.