LA REGIONE ABRUZZO ANNUNCIA ALTRI RISTORI MA ANCORA NON EROGA QUELLI ANNUNCIATI A MAGGIO 2020


L’AQUILA – La Regione Abruzzo annuncia altri fondi a favore delle imprese colpite dallo stop imposto dalle restrizioni anti Covid, in questo caso quelle della montagna, ma ancora non eroga quelli annunciati a maggio 2020 e contenuti nelle leggi Cura Abruzzo 1 e 2.

In questo caso, come hanno annunciato gli assessori alle Attività produttive e al Bilancio, Daniele D’Amario e Guido Liris, ricevendo anche il plauso del presidente del Consiglio Lorenzo Sospiri e del consigliere Simone Angelosante, che è anche sindaco di Ovindoli (L’Aquila), si tratta di due milioni di euro assegnati ieri dalla Giunta con la delibera n.119/2020, quale contributo a fondo perduto per i gestori degli impianti sciistici abruzzesi.

“Gli sport invernali, con il Covidd-19, hanno subito una pesantissima battuta d’arresto – dice in una nota Liris – ed i gestori degli impianti sciistici sono fermi ormai da un anno. La misura di sostegno approvata ieri dalla giunta regionale in esecuzione della L.R. n.39/2020 prevede dei ristori che andranno a sostenere un intero comparto che causa restrizioni oggi non può lavorare ed incassare ma che è comunque costretto a spendere ingenti somme per revisioni, adeguamenti e lavori sugli impianti da loro detenuti. Non era un obbligo ma come Regione Abruzzo abbiamo sentito il dovere morale di sostenere chi oggi sta davvero soffrendo”.

“L’Avviso pubblico che ha una dotazione complessiva di 2.000.000,00 di euro è rivolto ai gestori degli impianti sciistici – spiega D’Amario – e prevede contributi a fondo perduto in base alla dimensione degli impianti sciistici di proprietà o in concessione, attraverso un sistema di calcolo elaborato dagli uffici con parametri e pesature corrette. I fondi ci sono stati messi a disposizione appena ieri e noi ieri abbiamo dato mandato al Servizio di pubblicare l’Avviso pubblico che già da oggi è sul Burat e che prevede l’apertura della piattaforma per presentare le domande da Lunedì 15 Marzo alle ore 15.00 e sino a Giovedì 25 Marzo sempre alle ore 15.00.”

Il bando non è a sportello, tutte le richieste presentate verranno esaminate ed accolte, se ritenute ammissibili in base ai criteri dell’Avviso, e la ripartizione avverrà secondo le pesature indicate nello stesso.

“La Regione Abruzzo – concludono all’unisono gli assessori Liris e D’Amario – è vicina agli operatori dello sci invernale, Lo sport e il turismo che hanno sofferto pesantemente l’emergenza Covid-19 devono avere tutte le attenzioni del governo regionale e noi ce la stiamo mettendo tutta”.

Come hanno ricordato solo una settimana fa i lavoratori autonomi in un presidio davanti all’Emiciclo, sede aquilana del Consiglio regionale, la Regione ancora non eroga i ristori annunciati a maggio dell’anno scorso, destinati ai settori turismo, commercio al dettaglio e altri servizi.

Delle circa 45 mila domande pervenute alla Regione per accedere al fondo perduto, ha confermato a Virtù Quotidiane proprio D’Amario, ad oggi ne sono state processate appena 24 mila e liquidato nessun contributo.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021