L’AQUILA, ABBATTUTE CINQUEMILA GALLINE PER IL PERICOLO SALMONELLA


L’AQUILA – Cinquemila galline abbattute e oltre 116mila uova distrutte, in un allevamento nella periferia nord est dell’Aquila, per scongiurare un’epidemia di salmonellosi.

A stabilirlo è stato il sindaco Pierluigi Biondi con propria ordinanza, dopo che un’ispezione della Asl ha rilevato la presenza di un focolaio del batterio facilmente trasmissibile all’uomo.

Secondo Il Centro l’allevatore sarà risarcito di circa 34mila euro.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022