L’AQUILA, IL MALTEMPO NON FERMERÀ IL JAZZ PER LE TERRE DEL SISMA


L’AQUILA – Dopo l’inizio importante a Camerino (30 agosto), a Scheggino (31 agosto) e ad Amatrice (1 settembre), il 2 settembre a L’Aquila si concluderà la “Il Jazz Italiano per le terre del sisma” con 20 plachi distribuiti in tutta la città, 80 concerti e 570 musicisti coinvolti.

La manifestazione – annunciano gli organizzatori in una nota – si svolgerà anche in caso di maltempo.

I concerti programmati in Largo Pischedda potranno essere recuperati presso il Ridotto del Teatro, quelli programmati in piazza Chiarino presso gli spazi circostanti o presso lo stesso Ridotto del Teatro.

Le attività laboratoriali per l’infanzia e per i più piccoli potranno essere riprogrammate presso la sala conferenza dell’Hotel Castello (Piazza Battaglione degli Alpini/Fontana Luminosa).

Gli spazi coperti prorogheranno la loro chiusura per ospitare eventuali gruppi che non potranno esibirsi nelle sedi inizialmente indicate.

Il resto della manifestazione non subirà variazioni.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021