MACELLO ABUSIVO DI AGNELLI SEQUESTRATO DAI NAS NELL’AQUILANO


AVEZZANO – I carabinieri del Nas hanno scovato un macello abusivo in locali fatiscenti, riconducibile ad un’azienda agricola in provincia dell’Aquila, al confine tra la Valle Roveto e la Marsica.

Quaranta agnelli sono stati salvati dall’imminente macellazione abusiva e lo stabilimento di macellazione e sezionamento è stato chiuso per totale assenza di requisiti igienico sanitari.

I controlli del Nas, con il prevedibile incremento dei consumi di carne per le festività di Pasqua, sono stati intensificati per vigilare sulle corrette prassi igieniche, sulla tracciabilità degli animali e delle carni, sull’idoneità degli impianti di macellazione e sul benessere degli animali.

Nell’insediamento zootecnico, riconducibile a un’azienda agricola locale, sono stati trovati circa 100 capi di razza ovina adulta, 40 di razza bovina e, appunto, i 40 agnelli. Vincolo sanitario sull’intero allevamento.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.