MEZZA MARATONA, L’AQUILA SI CANDIDA CAPITALE EUROPEA DELLO SPORT 2022


L’AQUILA – Una grande e collettiva esperienza sportiva per valorizzare, a dieci anni dal sisma, l’importante patrimonio architettonico, storico e culturale dell’Aquila. Questo l’obiettivo della “Mezza maratona dell’Aquila, città del mondo”, progetto ideato e sviluppato dalla Asd Atleticom, in programma il prossimo 27 ottobre.

La manifestazione, che rientra nell’ambito del progetto Restart “L’Aquila Città del Mondo” con il patrocinio del Comune dell’Aquila e del Consiglio regionale d’Abruzzo, è stata presentata questa mattina dal sindaco Pierluigi Biondi, – che ha anche annunciato la candidatura dell’Aquila a Città europea dello Sport 2022 – dagli assessori comunali ai rapporti internazionali e turismo Fabrizia Aquilio, allo sport Vittorio Fabrizi, dal presidente del comitato organizzatore della mezza maratona Camillo Franchi Scarselli, dall’assessore regionale allo sport Guido Quintino Liris, dal vicepresidente del Consiglio regionale Roberto Santangelo e dal rappresentante del Centro sportivo italiano d’Abruzzo Angelo De Marcelis.

Il programma prevede una gara competitiva di corsa su strada sulla distanza di 21.097 km e una corsa non competitiva sulla distanza di 5 km.

Associate alle due distanze della mezza maratona e della 5 km, si terranno anche una 4×5 km a staffetta non competitiva per squadre di 4 persone (in cui ognuno dei componenti del team percorrerà una frazione del percorso di 5 km) e una gara di marcia sempre sulla distanza di 5 km. Le iscrizioni, che potranno essere effettuate fino a sabato 26 ottobre, sono aperte sino al raggiungimento dei primi 1300 iscritti.

“Siamo molto contenti che questo evento si svolga all’Aquila. Siamo soltanto alla prima edizione, ma l’obiettivo è rendere questa gara una classica internazionale, anche grazie alla tipicità del percorso, per la partenza in discesa e la salita finale, che rende questa maratona diversa dalle altre”, ha detto Franchi Scarselli.

“Vogliamo comunicare, attraverso lo sport l’immagine di una città in rinascita, viva e autentica, una città che ha voglia di mostrarsi al mondo e soprattutto a coloro che l’hanno aiutata a riprendersi”, ha commentato l’assessore Aquilio. “In tal senso, il percorso compreso attraverserà alcuni dei luoghi ricostruiti e restituiti ai cittadini anche grazie all’impegno e la generosità della comunità internazionale”.

La presentazione della mezza maratona è stata l’occasione per parlare della non facile situazione sportiva che la città sta affrontando negli ultimi tempi, complice la recente crisi delle società sportive più rilevanti della città, dell’Unione Aquila rugby su tutte.

A tal proposito, il sindaco Biondi ha fatto un importante annuncio: “Candideremo L’Aquila a Città europea dello sport 2022. La città merita di raggiungere una caratura nazionale e internazionale di rilievo, per storia e tradizione. La maratona è solo l’ultimo di una serie di eventi sportivi di livello internazionale che abbiamo portato in città negli ultimi mesi, dall’arrivo di tappa del Giro d’Italia ai Campionati mondiali universitari, dai mondiali di skyrunning agli europei di goalball. Vogliamo puntare con decisione sullo sport, fattore determinante di aggregazione sociale e di prevenzione delle devianze”.

Dello stesso avviso l’assessore allo sport Vittorio Fabrizi: “La scelta di candidare L’Aquila a Città europea dello sport sembrerebbe in contrasto con la situazione sportiva che stiamo vivendo – ha detto. “Voglio però sottolineare che ai livelli giovanili, la linfa dello sport, stiamo vivendo una stagione più che positiva. Un sì alla candidatura ci darebbe ancora più forza per cercare di affrontare e risolvere i problemi, soprattutto strutturali, che lo sport vive in città”.