NEI FIUMI DELL’AQUILANO IMMESSI 40 QUINTALI DI TROTE, SALVO IL CISI


L’AQUILA – “Desidero ringraziare l’assessore regionale alle politiche agricole Dino Pepe ed il presidente della Terza commissione consiliare Lorenzo Berardinetti per l’impegno che hanno dedicato alla salvaguardia del Cisi, il Centro ittiogenico sperimentale e di idrobiologia dell’Aquila”.

Lo dichiara il consigliere provinciale dell’Aquila Fabrizio D’Alessandro (Pd).

“Con il trasferimento delle funzioni in materia di caccia e pesca nelle acque interne dalla Provincia alla Regione – sottolinea D’Alessandro – il Cisi è entrato nella disponibilità dell’amministrazione regionale, che ha prontamente proceduto, attraverso la predisposizione di un avviso esplorativo per l’affidamento della relativa gestione operativa, al salvataggio del Centro ittiogenico del capoluogo, dove viene realizzata la produzione di trote per i fabbisogni di ripopolamento dei fiumi regionali”.

“La salvaguardia di questo centro di eccellenza che abbiamo a L’Aquila – prosegue il consigliere provinciale – permetterà di tutelare anche i posti di lavoro dei dipendenti della cooperativa che si occuperà della gestione”.

“Per quanto riguarda la prosecuzione dell’attività portata avanti finora dalla Provincia – conclude D’Alessandro – dopo il primo ripopolamento con circa 40 quintali di trote effettuato nei giorni scorsi, la Regione procederà nel tempo ad altre immissioni anche di trotelle del ceppo mediterraneo, per favorire la biodiversità ittica e la produttività naturale dei nostri fiumi”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.