RISTORANTE TRE MARIE, NIKO ROMITO ARRIVA ALL’AQUILA?


L’AQUILA – Circola con sempre maggiore insistenza l’ipotesi che lo chef pluristellato Niko Romito possa raccogliere l’eredità dello storico ristorante Tre Marie, nell’omonima via nel pieno centro dell’Aquila, chiuso già diversi anni prima del terremoto.

Il locale, che con la sapiente gestione di Paolo Scipioni ha rappresentato per mezzo secolo la gastronomia di qualità, contribuendo a scrivere una pagina di storia della città ma non solo, sta tornando ad antico splendore dopo i lavori di restauro.

L’immobile (nella foto l’ingresso del ristorante) è già da anni stato acquisito dall’imprenditore Alido Venturi, che ha legato il proprio nome alla produzione di sistemi di pulizia e igienizzazione degli ambienti, che da quanto apprende Virtù Quotidiane sarebbe da tempo in trattativa con lo chef.

La notizia non viene confermata ma neppure smentita dai diretti interessati che, raggiunti da questo giornale, hanno preferito non rilasciare dichiarazioni ufficiali.

Il ristorante Tre Marie, che nella sua lunga storia tra i primi in Abruzzo ottenne anche una stella Michelin, è stato punto di riferimento per la tradizione culinaria abruzzese e crocevia di personaggi nazionali e internazionali della cultura, della politica, dello sport e del mondo civico. Da Fellini a Bartali, passando per l’aquilano Bruno Vespa, il locale di Scipioni ha deliziato i palati facendo apprezzare il meglio dell’Abruzzo nel piatto.

Romito, oramai da anni tra i migliori chef al mondo, gestisce con la sorella Cristiana il ristorante Reale Casadonna a Castel di Sangro (L’Aquila). Cuoco autodidatta, ha iniziato nel 2000 e in soli 7 anni ha conquistato 3 stelle Michelin. (m.sig.)

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.