RISTORI, DALLA REGIONE ABRUZZO EROGAZIONI LUMACA


L’AQUILA – Per i giorni di chiusura delle attività nei comuni ricadenti nelle zone rosse, disposte tra marzo e aprile scorsi a causa del Covid con le ordinanze del presidente della Giunta regionale, sono pronti i ristori per 240 mila euro, nell’ambito del Cura Abruzzo 1 e 2, le misure approvate dal Consiglio regionale come sostegno a imprese e famiglie.

Lo ha deciso la Giunta approvando la proposta del presidente Marco Marsilio.

Ecco i 12 Comuni: Arsita (18.104 euro), Bisenti (20.909 euro), Castiglione Messer Raimondo (21.878 euro), Castilenti (19.655 euro), Montefino (18.598 euro), Civitella Casanova (15.526 euro), Elice (18.432 euro), Farindola (17.710 euro), Montebello di Bertona (16.376 euro), Penne (46.351 euro), Picciano (11.958 euro), frazione Villa Caldari di Ortona (14.499 euro).

“Sosteniamo l’Abruzzo senza che il Governo nazionale abbia stanziato fondi aggiuntivi – ha detto Marsilio – ma grazie a coraggio, prontezza e lungimiranza della strategia regionale nel bloccare la scure dello Stato sulle risorse non spese dal territorio che stavano per andare perdute”.

Procede con estremo rilento, intanto, l’erogazione degli indennizzi per tutte le altre attività: basti pensare che su circa 34mila domande i pagamenti sono arrivati a meno di 6mila aziende.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021