SLOW FOOD, È IN LIBRERIA L’ATLANTE GASTRONOMICO DELL’ORTO


L’AQUILA – Un libro per avviare una piccola rivoluzione, quella gastronomica, che partendo delle nostre cucine risalga il percorso inverso fino a ritrovare la meraviglia di vedere crescere qualche piantina nel nostro orto. O di andare a fare la spesa con il gusto di sapere, per la nostra ricetta, qual è la varietà migliore da acquistare. Meglio se dal contadino a questo punto che ci racconta tutto quello che c’è da sapere sull’ortaggio che ha coltivato.

È l’Atlante gastronomico dell’orto, appena arrivato nelle librerie italiane e on line per Slow Food Editore.

Non si tratta solo di un manuale, anche se ci sono le basi dell’orticoltura per ciascuna specie e varietà presa in considerazione, ma nemmeno solo di un ricettario, anche se ci sono le ricette-simbolo di ogni ortaggio e i consigli per scegliere ciò che è più appropriato a seconda degli usi in cucina e del periodo dell’anno; non è solo un repertorio botanico, anche se ci sono bellissime tavole illustrate; non è nemmeno soltanto un elenco di varietà, di denominazioni di origine, di racconto su che cosa è locale o stagionale in Italia.

Insomma quello che ha pensato Slow Food Editore è un vero e proprio atlante, che permetta di orientarci tra le stagioni e i territori, accenda la curiosità di aggirarsi per i banchi del mercato consapevoli di quello che si vuole acquistare, suggerisca utilizzi spesso inaspettati per variare e arricchire la nostra dieta e invogli a sperimentare nel proprio orto casalingo nuove varietà.

Seguito ideale del fortunato Atlante gastronomico delle erbe, il libro descrive le differenti varietà e i periodi di semina, trapianto e raccolta, le proprietà nutrizionali, la storia, le curiosità e gli usi in cucina. Scheda dopo scheda ognuno di noi potrà scegliere le verdure che più si adattano alle nostre abitudini o sperimentare saporite novità. Imparerà a individuare il pomodoro più adatto per la salsa o l’insalata, le melanzane giuste per la parmigiana, i cavoli da mangiare crudi o cuocere o far fermentare e tanto altro ancora.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022


Categoria: Cronaca Tag:
Array ( [0] => WP_Term Object ( [term_id] => 906 [name] => alimentazione [slug] => alimentazione [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 906 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 105 [filter] => raw ) [1] => WP_Term Object ( [term_id] => 9841 [name] => atlantegastronomicodellorto [slug] => atlantegastronomicodellorto [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 9841 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 1 [filter] => raw ) [3] => WP_Term Object ( [term_id] => 9280 [name] => orto [slug] => orto [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 9280 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 11 [filter] => raw ) [4] => WP_Term Object ( [term_id] => 5017 [name] => ricettario [slug] => ricettario [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 5017 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 4 [filter] => raw ) [5] => WP_Term Object ( [term_id] => 2979 [name] => ricette [slug] => ricette [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 2979 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 37 [filter] => raw ) [6] => WP_Term Object ( [term_id] => 83 [name] => slowfood [slug] => slowfood [term_group] => 0 [term_taxonomy_id] => 83 [taxonomy] => post_tag [description] => [parent] => 0 [count] => 191 [filter] => raw ) )