UN’ANTICA DISTILLERIA E PREZIOSI AFFRESCHI, VIAGGIO TRA I GIOIELLI RITROVATI DELL’AQUILA


L’AQUILA – Piazza San Marco, via Alemanni e via Piscignola, piazza San Marciano.

Un’ideale quadrilatero, nel cuore antico dell’Aquila, che restituisce la fotografia della città a dieci anni dal terremoto: Virtù Quotidiane è entrato nel settecentesco Palazzo d’Armi, restituito nei mesi scorsi dopo i sapienti interventi di consolidamento e restauro, nel Palazzo Bonomo, il cui nucleo originario risale al Quattrocento e nel quale lo stato dei lavori è ancora a livello di messa in sicurezza, e ha scorto la facciata di Palazzo Visca, sul lato nord della preziosa piazza San Marciano, dove il cantiere è nel vivo.

Accolto dall’ingegner Mario Centofanti, direttore dei lavori di Palazzo d’Armi, e guidato poi dalla restauratrice Silvia Balena e dall’ingegnere Carola Foffi, della ditta Frezza Spa, questo giornale ha condotto un piccolo ma intenso viaggio nei gioielli ritrovati, tra antiche stratificazioni, straordinarie scoperte, panorami mozzafiato, e nel cuore di edifici da cui trasuda una storia ricca tutta da scoprire.

Con oltre quarant’anni di storia, la Ingg. Armido e Pierluigi Frezza Spa-Impresa di costruzioni generali, è impegnata nella ricostruzione post-terremoto dell’Aquila con la messa in sicurezza e il restauro di importanti palazzi storici.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.