“ANIMALI DA BAR” IN SCENA AL TEATRO DEI MARSI CON LA CARROZZERIA ORFEO


AVEZZANO – Cosa hanno in comune un vecchio malato, una donna ucraina, un imprenditore, un buddista inetto, uno zoppo bipolare e uno scrittore alcolizzato che si incontrano periodicamente al bancone di un bar nel tentativo di affogare nell’alcool la loro disperazione? Lo si scoprirà domani 10 gennaio al Teatro dei Marsi di Avezzano (L’Aquila), quando arriverà Carrozzeria Orfeo che porterà in scena “Animali da bar”.

Lo spettacolo, inserito nel cartellone della stagione di prosa firmata da Lino Guanciale, è co-prodotto da Marche Teatro, produzione 2015 Fondazione Teatro della Toscana in collaborazione con Festival Internazionale di Andria, Castel dei Mondi.

Vincitore nel 2016 del premio Hystrio Twister porta sotto i riflettori le difficoltà umane quotidiane che i diversi personaggi affrontano nella loro vita tra la delusione, la disperazione e al disperazione di chi cerca in tutti modi di farcela ma non ci riesce.

Sul palcoscenico sotto la regia di Alessandro Tedeschi, Gabriele Di Luca e Massimiliano Setti, arriveranno Beatrice Schiros (Mirka), Gabriele Di Luca (Milo Cerruti), Massimiliano Setti (Colpo di Frusta), Pier Luigi Pasino (Sciacallo), Federico Vanni (Swarovski) e la voce fuori campo del celebre attore Alessandro Haber.

I sei personaggi, ognuno con la propria storia, puntualmente si incontrano al bancone di un bar dove cercano di sfogarsi l’un l’altro e trovare la forza di voltare pagina e andare avanti aggrappandosi a una speranza sempre molto sottile. Lo spettacolo si terrà alle 21 al Teatro dei Marsi.

I biglietti potranno essere acquistati sul circuito i-ticket o domani dalle 16 direttamente in Teatro.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.