CARMINA BURANA E ORCHESTRA NOTTURNA CLANDESTINA CHIUDONO FESTIVAL PIANA CAVALIERE


PERETO – Questa sera, nella chiesa di San Giovanni, a Pereto (L’Aquila), luci dei riflettori sui Carmina Burana (con l’ensemble strumentale del Festival della Piana del Cavaliere). Il concerto sarà preceduto da un aperitivo in musica. La chiusura dell’edizione 2018 del Festival della Piana del Cavaliere spetterà poi, domani, sempre a Pereto, dalle 19, all’Orchestra Notturna Clandestina diretta da Enrico Melozzi (il concerto sarà preceduto da Belle di carta, breve rassegna dedicata alle eroine dei fumetti).

Ancora domani, ma alle 11, il concerto degli allievi del corso di contrabbasso, che concluderà l’esperienza 2018 delle masterclass gratuite di alto perfezionamento musicale, opportunità unica nel suo genere offerta ai giovani talenti della musica, realizzata dal Festival anche con le classi di violino, tromba, trombone, basso tuba e euphonium, oboe, percussioni, clarinetto, flauto e fagotto.

Un successo quello delle masterclass, a cui hanno partecipato 90 studenti, in arrivo da tutta Italia e dal Giappone, a lezione con maestri di fama ed esperienza internazionali. Ulteriori informazioni sulla due giorni conclusiva del Festival della Piana del Cavaliere sono su festivalpianadelcavaliere.it.

Il concerto di chiusura di domani si terrà al centro prove di Aisico, Associazione italiana per la sicurezza della circolazione, grazie a cui il Festival e le masterclass gratuite sono possibili. Aisico è attiva nel settore della sicurezza stradale anche attraverso l’educazione e la formazione. Proprio sviluppando questo aspetto, Aisico dal 2015 sostiene e produce eventi culturali per la valorizzazione del territorio, investendo sulla cultura e sui giovani.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.