“FALSTAFF E IL SUO SERVO”, AL PICCOLO TEATRO DI MILANO LA PRODUZIONE DI TSA, CTB E INCAMMINATI


L’AQUILA – Ancora un riconoscimento per il lavoro svolto in questi ultimi anni dal Teatro Stabile d’Abruzzo: debutta domani martedì 19 novembre, alle 19,30, nel prestigioso Piccolo Teatro di Milano, Teatro d’Europa, “Falstaff e il suo Servo”, testo di Nicola Fano e Antonio Calenda, liberamente tratto da William Shakespeare, con la regia di Antonio Calenda e che vede in scena Franco Branciaroli, Massimo De Francovich, Valentina Violo, Valentina D’Andrea, Alessio Esposito, Matteo Baronchelli, le scene e i costumi sono di Laura Giannisi, le musiche di Germano Mazzocchetti, le luci di Cesare Agoni, e i movimenti scenici di Jacqueline Bulness.

Nel Piccolo Teatro di Milano, fondato da 1947 da Giorgio Strehler, Paolo Grassi e Nina Vinchi, lo spettacolo prodotto dal Teatro Stabile d’Abruzzo, dal Centro Teatrale Bresciano e dal Teatro de Gli Incamminati, porterà in scena, per ben diciotto giorni, dal 19 novembre al 6 dicembre 2019, gli ultimi giorni di vita di Falstaff ed evocherà tutte le sue avventure: un teatro nel teatro nel quale il Servo assume il ruolo di regista demiurgo e Falstaff quello di eroe tragicomico.

“Falstaff – spiegano Nicola Fano e Antonio Calenda – è un personaggio unico nel canone shakespeariano: è un uomo disperatamente innamorato della quantità della vita. Il mondo e il teatro di Shakespeare sono pieni di geniali ragionatori (foss’anche amanti profittatori o torbidi politici o paladini incerti della solitudine) o di virtuosi pensatori (e soprattutto virtuose pensatrici): Falstaff no. Falstaff non è nulla di tutto questo: è un uomo che antepone la vita da vivere a qualunque ragione; e tutto in lui diventa funzionale alla prossima avventura”.

“Che è come dire la prossima vita. In lui, infatti, Shakespeare ha messo il germe di quegli uomini che non si fermano mai a pensare e che mentre – poniamo corteggiano una donna, già pensano al bottino di carni o di denari da sgraffignare domani. Un personaggio unico, dunque. E attualissimo: come non pensare, seguendo le sue smanie, alla frenesia dell’uomo iperconnesso che vive contemporaneamente mille vite (vere o virtuali) pur di dimostrare a se stesso che esiste?”.

“Ecco, così noi abbiamo immaginato Falstaff: come l’antieroe di tutti i più grandi personaggi di Shakespeare. Se la modernità di Shakespeare è nella rappresentazione del dubbio, dell’imperfezione consapevole dell’individuo (quella di cui Amleto e Iago forniscono due filosofie gemelle ancorché opposte), la sua postmodernità è nel grassone che twitta per essere. Da qui a cedere alla tentazione di mettere questi due antagonisti shakespeariani a confronto, il passo è stato breve. E così è nato un copione che collaziona battute (e concezioni di vita) provenienti da molti angoli del canone shakespeariano dentro a una trama tratta dai quattro testi che, direttamente o meno, Shakespeare dedicò alla sua creazione più atipica. Ossia le due parti di Enrico IV, poi Enrico V e naturalmente Le allegre comari di Windsor”.

“Ma perché, direte voi, confezionare un copione con battute raccolte qui e là dal Canone e non mettere in scena direttamente l’originale? La risposta è semplice e insegue un’ipotesi critica (perché questo spettacolo è innanzitutto un divertimento intorno a Shakespeare): solo mettendo a confronto Iago e Falsfatt, Amleto e Falstaff, Jacques e Falstaff si può arrivare, oggi, a cogliere la contemporaneità di quella maschera di pancione che si occupa solamente di riempire il mondo di se stesso”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.