GIOCATTOLI DALL’ANTICHITÀ AGLI ANNI CINQUANTA IN MOSTRA A CELANO


CELANO – Dopo Chieti, Lanciano e Pescara, la mostra itinerante “Plaisirs et jeux, giocattoli dall’antichità agli anni ‘50”, a cura di Lucia Arbace e Mariangela De Crecchio, raggiunge il suggestivo Castello Piccolomini di Celano (L’Aquila), dove sarà possibile visitarla a partire dal 24 luglio e fino al 13 ottobre, per la gioia e il godimento dei bambini di ogni età.

Il titolo della mostra è stato suggerito da un volume di Gaston Vuiller, edito a Parigi da J. Rothschild nel 1900 e proprio da questo libro prende avvio il ricco percorso espositivo.

Si tratta di un’ampia e variegata selezione di giocattoli usati a partire dalla fine del 1800 alla metà del 1900. Pannelli illustrativi, di agile lettura ma completi e dettagliati, aiutano il visitatore a cogliere l’evoluzione dei giochi e dei giocattoli a partire dall’Antichità e a riscoprire oggetti di bimbo che racchiudono le gioie, ma anche i piccoli tormenti legati al periodo incantato e complesso dell’infanzia.

Dai più costosi e raffinati ai più modesti e grossolani, dai più semplici ai più bizzarri e complicati, dalle confezioni più scintillanti ai materiali di riciclo essi trasferiscono nelle teche espositive i segreti di una età che rappresenta le fondamenta del mosaico della vita.

Un mondo in miniatura, che si apre a tutti coloro che ne vorranno scoprire e apprezzare le mirabolanti sfaccettature e che gradiranno intuire le vicende ad essi legate, mai scontate e cariche di inaspettate scoperte.

Nonostante la patina del tempo trascorso, questi oggetti sapranno raccontare le loro storie, le loro vicissitudini e intessere trame non ancora scritte.