“I BRIGANTI” CHE NON SPRECANO CIBO, SU RADIO RAI 3 IL REPORTAGE DI UN ALLIEVO DEL CENTRO SPERIMENTALE DELL’AQUILA


L’AQUILA – I briganti che non sprecano il cibo si trovano a Padova e Daniele Oliveri, allievo di terzo anno del corso di Reportage della sede Abruzzo del Centro sperimentale di Cinematografia, ha raccontato la loro esperienza con una serie di audio documentari che Radio Rai 3 proporrà nella trasmissione Tre soldi, il 13, il 14 e il 16 gennaio alle 19,50.

Perché un terzo del cibo prodotto finisce nella spazzatura? Cosa si può fare per ridurre questi sprechi? A Padova il collettivo “La cucina brigante” si occupa proprio di far conoscere il problema e offrire soluzioni.

Tra mercati generali, tecnologia, cassonetti e il nostro frigo, si parla dei diversi modi per evitare che il cibo totalmente commestibile finisca nella pattumiera.

Del ciclo di tre puntate, dal titolo Non sprecare: eccedenze alimentari e soluzioni elementari, trasmesse su Rai Radio 3, la prima è dedicata al collettivo “La cucina brigante”: tra smartphone e cassonetti scopriamo cosa si può fare individualmente per recuperare il cibo che altrimenti andrebbe sprecato.

Si passa poi ai mercati generali dove si svolge “la recupera”, un giro tra tutti i commercianti alla ricerca di “scarti” alimentari che scarti non sono, si tratta di cibo prezioso che può essere mangiato. La terza puntata chiude con la distribuzione gratuita del cibo a chi ne ha bisogno.

La serie realizzata da Daniele Oliveri e prodotta dal corso di Reportage della sede Abruzzo del Centro sperimentale di Cinematografia, nell’ambito del laboratorio di Radiofonia tenuto da Daria Corrias, è anche disponibile in podcast nella galleria dedicata al ciclo sul sito di Tre Soldi.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.