“L’UOMO DI PAGLIA”, LA PARABOLA DI CELESTINO V IN UN MONOLOGO ALL’AQUILA


L’AQUILA – Lunedì 27 agosto alle ore 18 presso l’Auditorium del Parco dell’Aquila, all’interno di “L’Aquila suona” della 724esima Perdonanza Celestiniana, è in programma la prima rappresentazione del monologo teatrale “L’Uomo di Paglia”, interpretato e diretto da Ugo Capezzali su testo di Roberto Capezzali con musica composta ed eseguita dal vivo da Piercesare Stagni.

La parabola di Pietro del Morrone, dalle origini umili fino all’elezione a Pontefice con il nome di Celestino V e alla successiva abdicazione viene ripercorsa da un punto di vista inusuale.

La vita, i dubbi, i ricordi, l’eredità di questa figura fondamentale per la Chiesa e per la città dell’Aquila sono sussurrati allo spettatore dalla stessa voce del protagonista. Il racconto è inframezzato dalla narrazione delle vicende dell’epoca affidate a forme di linguaggio attualizzate ai giorni nostri, secondo una chiave di lettura originale che unisce lirismo, provocazione e rigorosa contestualizzazione storica.

La storia è accompagnata dall’evocativo tappeto musicale elettronico intessuto da Piercesare Stagni fino alla metaforica rivelazione conclusiva ed alla conseguente chiusura del cerchio.