SPOLTORE ENSEMBLE, COMICITÀ, ARTE E JAZZ ALLA SECONDA SERATA


SPOLTORE – Sarà la comicità travolgente e irresistibile dei Ditelo Voi la protagonista, domani lunedì 20 agosto, della seconda serata XXXVI Edizione dello Spoltore Ensemble 2018, la rassegna che, ancora una volta, ha saputo proporre il mix perfetto tra teatro, arte visiva, musica ed effetti di alta tecnologia che portano la firma di Spray Records, per il terzo anno consecutivo al timone della storica manifestazione.

“Parliamo di una kermesse che quest’anno si caratterizza con il segno ‘più’ – dice in una nota il sindaco Luciano Di Lorito – più serate rispetto al passato, più eventi, sia in termini numerici che per tipologia, più collaborazioni e partnership, visto che per la XXXVI edizione lo Spoltore Ensemble potrà vantare la vicinanza del Premio Flaiano, con la proiezione di una pellicola ad hoc, e anche di Istituzioni come il Conservatorio Statale di Musica ‘Braga’ di Teramo, l’istituzione musicale più antica d’Abruzzo con 123 anni di storia alle spalle”.

“Inoltre anche quest’anno si conferma la formula del festival itinerante, un festival che, attraverso vari frammenti artistici, farà vivere ogni viuzza, ogni angolo, ogni scorcio del centro storico di Spoltore”.

Domani, lunedì 20 agosto, il sipario sulla seconda serata si aprirà alle 19,30 in piazza Di Marzio con il “Viaggio nell’arte”, ovvero l’incontro sulle tre mostre allestite nei luoghi simbolo del centro storico di Spoltore da tre artisti d’eccezione: il maestro Luigi Vitali, e le fotografe Francesca De Luca e Giada Di Blasio, che si racconteranno al pubblico presente.

Il Maestro Luigi Vitali, che ha allestito la sua Personale negli spazi della Biblioteca comunale, di fronte al Belvedere, originario di Pescara, residente a Spoltore, da sempre ha coltivato la passione per il disegno e per la pittura, guidato da una forte intuizione artistica che gli permette di riprodurre delle accattivanti geometrie dando risalto al soggetto.

Geniale nel saper cogliere e immortalare, con struggente realismo, l’animo degli uomini e della natura con una naturale tendenza alla poesia attraverso le sue opere: la capacità delle espressioni negli intensi ritratti, la crudezza degli ambienti e la quasi follia nell’interpretare e immortalare la quotidiana realtà, di fissare una ‘visione’ del suo amato Abruzzo nei suoi luoghi più autentici e rappresentativi.

Sempre con estrema attenzione al particolare, alla precisione, ma con un lungo sguardo alla malinconia, alla gioia e al dolore. Una tale capacità pittorica che nel tempo si è evoluta e raffinata tanto che nelle sue opere si intuisce l’iconografia della sua anima di artista.

Due le artiste-fotografe che esporranno nella Casa della Cultura: Francesca De Luca, giovane fotoreporter di Spoltore che con le proprie istantanee cattura momenti, riflessi, giochi di luce, volti e paesaggi che offrono uno sguardo diverso della realtà; e Giada Di Blasio, già presente a collettive internazionali, come l’ArtExpò June di Barcellona, che, con i suoi scatti, racconta un mondo fatto di estro, di tecnica, di improvvisazione, di note e di magia, come quello del jazz.

Alle 21 spazio alla musica in piazza D’Albenzio con il Quartetto delle “Pop Harps”: a salire sul palco saranno Elena Cacciagrano, Letizia Caramanico, Sonia Crisante e Benedetta Tranquilli, quattro giovani arpiste abruzzesi, di formazione classica al conservatorio Luisa D’Annunzio di Pescara, che con anni di esperienza in ensemble d’arpe d’ogni genere e numero, e orchestre sinfoniche, hanno deciso di sfruttare la grande versatilità di 47 corde e 7 pedali, giungendo a una scrittura moderna idiomatica ricca di effetti, a volte, inaspettatamente aggressivi e audaci per quello che è sempre stato visto e catalogato come lo strumento degli angeli.

“Il quartetto Pop Harps – hanno spiegato le quattro ‘regine dell’arpa’ – nasce dall’esigenza di creare nuovi linguaggi per uno strumento di origini antichissime, ormai ingiustamente relegato quasi solamente all’ambiente classico orchestrale e poco valorizzato in altri ambiti”.

Per lo Spoltore Ensemble proporranno un repertorio di musiche cinematografiche che, per l’occasione, verranno accompagnate da videomapping a tema cinema.

Alle 22,30 spazio allo spettacolo esilarante dei Ditelo Voi a Largo San Giovanni, trio comico napoletano formatosi nel 1995, composto da  Francesco De Fraia  detto “Capucchione”,  Domenico Manfredi  detto “Mimmo” e  Raffaele Ferrante detto “Lello”.

Il gruppo era originariamente formato da un quarto elemento che “accompagnava” i comici con la chitarra, il nome era “I Ditelo voi quartet” e si esibiva in piccoli locali dei Decumani Napoletani. Si conoscono nel  1995.

Il loro nome nasce per caso, da una disputa su chi doveva deciderlo: ognuno voleva che lo dicesse l’altro, quindi si decise “I Ditelo voi”. Cominciano a fine anni ‘90 in Campania con  TeleGaribaldi, poi la trasmissione Avanzi Popolo su TeleNapoli.

In questa trasmissione, fra l’altro, interpretano la finta telenovela Orip Orap, che nel  2000  diventerà una trasmissione indipendente, sulla stessa emittente televisiva. Nel 1999 lavorano alla Chanson, noto luogo del teatro cabaret romano. Per qualche tempo hanno lavorato per trasmissioni comiche per emittenti regionali del  Lazio.

Nel 2002 partecipano alla trasmissione di Gianni Morandi Uno di noi, e nel 2004 all’ultima edizione di  Super Ciro. Sono presenti nei programmi Colorado Cafè su Italia 1, e Tribbù su Rai 2, oltre che al programma radiofonico Pelo e Contropelo, su Radio Kiss Kiss.

Per lo Spoltore Ensemble rispetteranno il loro stile conquistando il pubblico con la tipica comicità irriverente.

Tutti gli spettacoli sono a ingresso gratuito. Per tutti gli aggiornamenti è già operativa la pagina social Facebook Spoltore Ensemble.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021