TERAMO, AL TEATRO COMUNALE IL FINALE DI CENERENTOLA LO SCELGONO I BAMBINI


TERAMO – L’Associazione Circuito Spettacolo Abruzzo e Molise presenta per la rassegna “Teatro Ragazzi” lo spettacolo Cenerentola in bianco e nero, portata in scena da Proscenio Teatro domenica 9 febbraio alle 17,00 al Teatro Comunale di Teramo.

Lo spettacolo racconta fedelmente la storia di Cenerentola col suo vestito sporco di cenere e con quello sfavillante con cui si presenta alla festa, dove ci sarà il Principe, la scarpetta abbandonata e tutto il resto. Non mancheranno, come tradizione della compagnia, pupazzi animati, situazioni divertenti e coinvolgimento diretto del pubblico, che sarà chiamato in prima persona a decidere il finale della favola che conta molte versioni, tra cui quella di Perrault e dei Fratelli Grimm.

La versione di Proscenio Teatro prende spunto proprio da queste incredibili e diverse maniere di far concludere la vicenda. Da una parte Perrault, che perdona le malefatte della matrigna e delle sue figlie e che vede addirittura Cenerentola accoglierle nel Palazzo dove era andata in sposa con il Principe, idea ripresa poi da Walt Disney nel suo celeberrimo film d’animazione (versione bianca). Dall’altra la “zampata” dei Fratelli Grimm, che invece puniscono severamente le sorellastre, facendole accecare da due colombi nel giorno delle nozze di Cenerentola (versione nera). Sarà proprio il pubblico a decidere quale dei due finali è più gradito, con una regolare votazione, alzando il foglio che gli verrà consegnato all’ingresso, nella parte bianca o in quella nera, stimolando successivamente una riflessione sulla scelta effettuata e sul tema del perdono.

Spettacolo adatto a bambini dai 4 ai 10 anni.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.