VINICIO CAPOSSELA ILLUMINA LA NOTTE BIANCA DI GUARDIAGRELE


GUARDIAGRELE – La XII edizione della “Notte Bianca” di Guardiagrele venerdì 11 agosto si illumina con il concerto gratuito di mezzanotte di Vinicio Capossela.

Nella cornice della “Terrazza d’Abruzzo” raccontata da D’Annunzio, ai piedi della Maiella, madre del poeta dialettale Modesto Della Porta, di John Fante e ispiratrice con Guardiagrele di Scarfoglio, Spoltore, Cascella e molti altri, la “Notte Bianca” di Guardiagrele dopo i concerti gratuiti di mezzanotte di Morgan (2015) e Afterhours (2016) quest’anno ospita Vinicio Capossela in un “Atto unico” che scalderà Largo Garibaldi, luogo della antica fortificazione della Città, della Guardia di Grele.

L’artista nato in Germania cinquantadue anni fa, ma di origini irpine, questa estate ha selezionato pochissime date per la sua estate e quella di Guardiagrele – uno dei Borghi più belli d’Italia e Città E.D.E.N. europea – è l’unica per il centro Italia.

Dopo i successi del doppio album del 2016 “Canzoni della Cupa” che lo hanno visto poi protagonista del duplice tour “Polvere” e “Ombra”, Capossela sul palco di Piazza Garibaldi a Guardiagrele presenterà lo spettacolo per il suo “Combat Folk” che è inserito nel contesto di “Atti unici e qualche rivincita”, da considerarsi nono come uno spettacolo che si ripete, ma un vero esercizio di eclettismo.

“L’atto unico è come una piroetta, un prototipo – scrive Vinicio Capossela – Una barchetta di carta che si mette in acqua e poi si capisce se affonda quando non c’è più tempo per salvarla o per riprovarci. E’ una disciplina che educa a non mettere da parte nulla. Come il potlach, la distruzione rituale dei beni. Come i castelli di sabbia, edificare qualcosa che verrà immediatamente cancellato dalla prima mareggiata. Non si fa a tempo di capire cosa è davvero successo, che ecco, è già finito. Si riconosce dalla coda, ed è un pesce che si immerge veloce. Per darci il giusto di rimettersi di nuovo, subito a pescare”.

La “Notte Bianca 2017” di Guardiagrele – organizzata dal Comune assieme alla Pro loco – prenderà avvio alle 18,00 e coinvolgerà tutto il Borgo di Guardiagrele con spettacoli dal vivo, musiche, animazioni, stand gastronomici e altre sorprese.

La scelta di Capossela non solo è la scelta di un artista che racconta e ha saputo raccontare le zone interne e le piccole località nel loro fascino più nascosto, dalle bande musicali alla “polvere”, dai sogni ai motivi del desiderio, dalle pene dell’anima alle feste di piazza, ma è anche uno dei più grandi geni musicali che ha saputo mettere in gioco la propria creatività per dare vita ad album e esibizioni uniche e coinvolgenti.

Questo insolito “Combat Folk” estivo, contrapponendosi all’inverno teatrale di Capossela, significativamente tocca i luoghi più suggestivi di quella Italia più nascosta e come afferma il musicista, “si tratterà di concerti in cui la musica, più che la scenografia o l’evocazione teatrale è protagonista.  Una formazione a due trombe, con propulsione a tamburo e pompa di contrabbasso, schitarrante di ballate, violino e serenate, al grido di battaglia di ‘All’incontrè ‘R”, come il festival sponzante nelle terre che questa musica ha generato. Per rivoltare la polvere!”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021